DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

É buono il gelato che sa di Neruda


Giovedì 25, Luglio 2013
in  Leggere con gusto


Il caldo è esploso e il grado di tollerabilità è al minimo. Si rimpiange il freddo, s'impreca contro l'afa, insomma un coro di voci annoiate si leva.


Ma un gelato puó cambiare la vita, genuino, artigianale, fresco e rinfrescante.


Soprattutto se è al limone. La freschezza contagia, in bocca rimane l'amarognolo che disseta. A me il gelato piace leccarlo, in barba al galateo, giralo e rigirarlo, lentamente, un rito questo che risale all'infanzia quando rappresentava una leccornia preziosa, concessa raramente. Dunque molto apprezzata. Mia madre me lo offriva con piglio autorevole e mi diceva: 'Attenta a non sporcarti', quasi volesse attenuare la parte del piacere.


Di recente ho gustato un gelato dagli ingredienti particolari: mandarino di Ciaculli, pesca di Monforte, limone di Amalfi. Un gelato alchemico, che mi ha fatto sognare e riandare alle vacanze adolescenziali in quel borgo abbarbicato in alto, che è Amalfi, allora non mondano. In lontananza sembrava un presepe, ma un presepe particolare, fatto di scaglie di mare e di luce abbacinante.


Un paesaggio particolare, dove i profumi salivano dal mare e inondavano il paese: una scia che solleticava il palato, che attivava i sensi. Con in mente questi fotogrammi, ho gustato il gelato al gusto di limone leggero e pesante al contempo, la leggerezza della crema che si scioglie in bocca, la pesantezza dei ricordi e delle parole evocate. Il colore intenso del frutto è il colore del Meridione, della potenza del sole, del calore delle persone, una macchia di luce: 'Fuor de la muraglia su l'indaco chiaro de' l cielo, canta la nota verde un bel limone in fiore' dice D'Annunzio.


Ma l'omaggio più bello al limone è l'ode di Pablo Neruda dove la musicalità della lingua spagnola rende omaggio al frutto e lo trasfigura, come solo sa fare lui, nelle sue poesie dedicate ai compagni della cucina. In modo metaforico, il limone sorge da fiori sciolti dalla luce della luna, dall'odore d'amore esasperato, fragranza di segreta simmetria dove i coltelli han tagliato nell'acida vetrata una piccola cattedrale: dall' abside filtrano i topazi, gli altari, la fresca architettura. Il limone è un universo d'oro, una coppa gialla con miracoli, un raggio di luce, uno dei capezzoli profumati del seno della terra:


el rajo de la luz que se hizo fruta


el fuego diminuto de un planeta.


Gelato di vita, dunque.

 

Cetta Berardo

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento