DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

É colpa mia


Giovedý 11, Dicembre 2014
in  Libera-Mente


Il trauma è una minaccia alla vita e all'identità ; all'integrità psichica e corporea che mina la sopravvivenza.


Costituisce trauma anche la presenza ad un evento che comporti morte, lesioni o minacce all'integrità fisica di un'altra persona, così come il venire a conoscenza della morte violenta o inaspettata di un caro. A ció si aggiunge la percezione di grave danno, minaccia di morte o lesioni subite da un membro della famiglia, o da un'altra persona con cui si è in stretta relazione.


Due aspetti risultano essenziali per meglio comprendere la natura del fenomeno traumatico: imprevedibilità e impotenza.


Uno dei mandati evoluzionistici fondamentali che madre natura ha cablato nel cervello degli esseri viventi più complessi e, in primis, dell'uomo, consiste nella strutturazione di reti neurali utili a favorire la capacità previsionale sulla realtà. Questo vale in particolare per le relazioni interpersonali. Pensiamoci bene... Quanto è importante per un neonato apprendere velocemente che quella è la sua mamma, che si avvicinerà a lui in quel modo e non in un altro, con la particolare ed inimitabile (per i suoi recettori nasali) fragranza della sua pelle...? Diverrà fondamentale poi, per quel bimbo, costruirsi una rappresentazione di cosa ci si debba aspettare da mamma e di cosa lei si attenda da lui... A livello inconsapevole il suo cervello lo guiderà a tutta una serie di emozioni, pensieri e comportamenti che potrebbero essere pressappoco così: 'Dunque, io so che la mia è una mamma che si accende facilmente su certe cose, tipo quando piango più forte (questo l'ho imparato quella volta che si è arrabbiata tanto con me quando mia sorella mi ha rubato la palla). So anche che quando mamma ha quel tono di voce è meglio temporeggiare prima di chiederle qualcosa. Se, dunque, io mi trattengo dal domandarle se mi porta in cortile, visto che oggi è arrivata da lavorare con quel tono di voce, molto probabilmente me lo proporrà lei'. Questi non sono pensieri coscienti, ma percezioni non verbali che guidano il comportamento. La psicologia li definisce modelli operativi interni.


Capacità previsionale, sistema di aspettative, apprendimento e memoria incarnata (inconsapevole), rappresentano alcune delle fondamenta della psiche umana.


Trauma relazionale (in aggiunta ad altre tipologie di trauma non relazionale: incidenti, catastrofi naturali, malattie, ecc...) è minaccia imprevedibile e inattesa alla propria sopravvivenza proveniente dai propri simili. Badate bene, per il cervello di un bambino, che non è attrezzato per difendersi dall'aggressione fisica o psicologica di chi dovrebbe prendersi cura di lui, costituisce trauma anche la percezione che la vita del proprio genitore (colui che ne garantisce la sopravvivenza) è in pericolo. Anche il ruggito del suo papà col coltello puntato verso la mamma. Con quel tono di voce. A cui ha assistito troppe volte (trauma relazionale precoce cumulativo) dallo spioncino della cucina. Anche se non c'entra nulla...


Impotente. Impotenza. Questa è la conseguenza psicologica, neurofisiologica e comportamentale del trauma. L'epilogo della mente. 'Non c'è nulla da fare. Arrenditi. Non hai speranze'. Lo sapete qual è l'espressione psicofisica dell'impotenza...?


Il vuoto... Un buio devastante che la colpa cercherà di riempire per condurre a quel minimo senso di padronanza della realtà andato perduto.


'E' colpa mia. Papà faceva così perché io sono cattivo'.


Attenzione; notate che R. dice: 'Sono cattivo', non: 'Ero cattivo'. R. ha 40 anni e considerarsi responsabile di ció che ha vissuto per tutto questo tempo lo ha tenuto in piedi fino a quando i suoi dolori cronici senza apparente causalità organica non sono diventati depressione. Esiste una correlazione scientificamente provata tra i traumi cumulativi relazionali precoci e i disturbi psicosomatici somatoformi.

 

fabio borghino

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)