DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

A cosa serve curare questa fase della malattia?


Giovedì 14, Giugno 2012
in  La Memoria del Cuore



Continuazione dell'articolo di Alberto Cester, medico geriatra e figlio di una malata di Alzheimer


La mamma sta sempre peggio, ma mi accorgo che non sembra esserci fine a questo calvario. Adesso per circa una settimana ha fatto una enorme fatica a deglutire. Ho pensato si trattasse di un peggioramento delle condizioni nel controllo neurologico della deglutizione, anche perché non esiste descrizione dei sintomi nei dementi avanzati, non esiste la possibilità di un vero esame obiettivo, chi riesce a guardarle in bocca senza lacerarle la mucosa per l'opposizione?


In questi casi sono abituato a procedere per tentativi, contrariamente a qualsiasi vero processo clinico. In questo calvario mi supporta ed aiuta sempre anche 'Paolo', Stanislao Destro, il nostro infermiere, un vero angelo custode, un amico, un fratello, ora uno di famiglia. A posteriori ho poi capito che aveva probabilmente semplicemente una faringite, un volgare 'mal di gola', poiché dopo alcuni giorni di antibiotici, antimicotici, cortisone, aspirazioni sub continue è un po' migliorata, deglutisce un po' meglio.


Anche questo distrugge, il non poter sapere, non riuscire ad inquadrare clinicamente alcuni problemi, ció è fonte di grandi frustrazioni, soprattutto per noi medici.


La badante di mia madre sta male, di una malattia grave, io e mia sorella ci troviamo a fare i badanti della badante, oltre che ad assistere mia madre. Anche nelle più complesse telenovelas credo non si sarebbe riusciti a raggiungere la fantasia per creare situazioni come queste. Kafka non avrebbe saputo pensare di peggio. Abbiamo richiamato una persona che già ci aveva supportato in uno dei rientri a casa della badante 'ufficiale', è qualificata ed altrettanto competente, ma ci vorrà un periodo di rodaggio.


Il braccio di mia madre è ormai così sottile, oltre all'anchilosi, che riesco a vincere con molta fatica, quasi nemmeno il bracciale pediatrico riesce ad essermi utile per la valutazione pressoria. Ho scoperto che nemmeno i bracciali pediatrici vanno bene per casi come questi, una delle tante cose che manca. Vista a letto assomiglia molto a quelle immagini terribili provenienti dai campi di concentramento della II° guerra mondiale ... arbeit macht frei ... se era il lavoro a rendere liberi in quel modo?! Cosa serve curare questa fase della malattia? Eppure è viva.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento