DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

A fine mese l'acconto Irpef 2012


Giovedý 15, Novembre 2012
in  Consulenza legale



Mancano appena quindici giorni alla scadenza del 30 novembre, giorno entro il quale i contribuenti dovranno versare il secondo acconto delle imposte per il 2012: la disciplina dei versamenti anticipati delle imposte sui redditi è stata più volte modificata, sia in merito all'ammontare della percentuale da corrispondere sia per quanto attiene le modalità di versamento. L'attuale normativa in tema di acconti di imposta prevede che il contribuente sia tenuto ad anticipare un acconto nell'anno precedente a quello in cui avverrà la dichiarazione dei redditi: l'entità dell'acconto d'imposta viene calcolata dal contribuente con riferimento alla dichiarazione dei redditi dell'anno precedente, anche se non si conosce ancora l'ammontare del reddito del periodo d'imposta successivo. Per il periodo d'imposta 2012, la percentuale dell'acconto Irpef sarà pari al 99% e quella dell'acconto Ires sarà del 100%. L'acconto Irap dovuto per il 2012 per le persone fisiche e le società di persone ed equiparate è invece stabilito nella misura del 99%, mentre per i soggetti Ires è del 100%. La base di calcolo per l'acconto Irpef 2012 è formata dall'imposta relativa al periodo d'imposta precedente diminuita delle detrazioni, dei crediti d'imposta e delle ritenute alla fonte che risultano dalla dichiarazione dei redditi dell'anno precedente.


L'acconto Irpef viene versato in due rate di cui la prima, pari al 40% dell'acconto complessivo (99%), doveva essere versata a giugno, mentre la seconda, che scade nel mese di novembre dell'anno cui si riferisce l'acconto, è pari al 60% dell'acconto complessivo dovuto (99%). I contribuenti, per sapere se devono o meno versare l'acconto Irpef, debbono controllare l'importo del rigo RN33 del modello Unico 2012 denominato 'Differenza'. Se tale importo è inferiore o uguale ad euro 51,65 allora non è dovuto acconto. Se è superiore ad euro 51,65, ma inferiore o pari ad euro 257,52, il contribuente deve versare l'acconto in unica soluzione entro il 30.11.2012 Se infine l'importo del rigo RN33 è superiore ad euro 257,52 allora l'acconto deve essere versato in due rate, giugno e novembre. Il codice tributo da utilizzare per versare il secondo acconto Irpef è '4034' (per i soggetti Ires si usa invece il codice '2002', mentre per l'Irap il codice '3813').


Segnalo infine che in base a quanto stabilito dal D.Lgs. 23/2011, a decorrere dal 2012, l'acconto dovuto per la cedolare secca è dovuto nella misura del 95% dell'imposta relativa all'anno precedente. In tal caso il codice tributo per il versamento della seconda o unica rata di acconto della cedolare secca sugli affitti sarà '1841'.


Dott. Mario Clericuzio

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)