DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Bonus 50% sul fotovoltaico


Giovedý 11, Aprile 2013
in  Consulenza legale



L'Agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 22/E del 02/04/2013, si è pronunciata sulla possibilità di usufruire della detrazione del 36% o del 50% (con riferimento alle spese sostenute tra il 26 giugno 2012 e il 30 giugno 2013), per l'installazione di impianti fotovoltaici su immobili residenziali. L'art. 16-bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, che ha reso permanente la detrazione IRPEF sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, alla lettera h), precisa che tra le spese detraibili sono comprese quelle relative alle opere 'finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia. Le predette opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo idonea documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia'. La norma citata ha suscitato delle perplessità con riferimento all'installazione di impianti fotovoltaici, in quanto finalizzati alla produzione di energia e non al conseguimento di risparmi energetici. Con la Risoluzione del 2 aprile 2013 l'Agenzia delle Entrate ha invece chiarito che la realizzazione di impianti che sfruttano fonti rinnovabili è equiparata a tutti gli effetti agli interventi finalizzati al risparmio energetico e, pertanto, le spese sostenute rientrano tra quelle detraibili ai sensi dell'art. 16-bis c.1 lett h). La risoluzione ha anche precisato che, ai fini della detrazione, non è necessaria alcuna attestazione dell'entità del risparmio energetico, essendo invece sufficiente conservare la documentazione comprovante l'acquisto e l'installazione dell'impianto. L'Amministrazione Finanziaria ha infine chiarito che la detrazione ai fini IRPEF non è cumulabile con le tariffe incentivanti, ma è compatibile con il meccanismo dello scambio sul posto. Con questo meccanismo l'energia prodotta viene immessa in rete. Al termine di ciascun anno viene determinato il saldo tra l'energia immessa e quella prelevata dalla rete. L'eventuale saldo positivo genera un credito di energia. Al contrario, se i prelievi superano le immissioni, il saldo negativo viene addebitato in bolletta. L'Agenzia delle Entrate ha comunque ricordato che, per poter beneficiare della detrazione, è necessario che l'impianto fotovoltaico sia installato essenzialmente per far fronte ai fabbisogni energetici dell'abitazione e, di conseguenza, deve essere posto direttamente al servizio di quest'ultima.


dott.ssa Grazia Previti

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)