DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Chiesti rimborsi ai margari


Giovedì 18, Gennaio 2018
in  Valli Po e Infernotto


CRISSOLO- Arpea, l'Agenzia regionale piemontese per l'erogazione in agricoltura ha avviato il procedimento di recupero sulle Pac relative al 2015 e 2016, sollevando la reazione preoccupata da parte degli operatori del settore.
È arrivata infatti, tramite PEC (posta elettronica certificata), una lettera indirizzata a tutte le aziende che nel 2015 hanno avuto accesso alla DAR (titoli da riserva nazionale), nella quale viene comunicato l'avvio del procedimento di recupero delle somme pagate in eccesso in quanto il premio spettante, al termine di numerose circolari AGEA e adeguamenti sul valore dei titoli e del Greening, è stato aggiornato e gli importi risultano inferiori rispetto a quelli precedentemente assegnati.
Le riduzioni, più o meno consistenti in base all'ammontare del premio e alle dimensioni dell'azienda interessata, coinvolgono centinaia di margari che hanno prima visto assegnare un valore unitario ai propri titoli di 228,76 euro/ha (più Greening) per poi subire una riduzione del 27,5%.
Tale riduzione si trascinerà ovviamente fino al 2020, nella speranza che non vengano fatti altri tagli. Sugli importi già pagati alle aziende per le campagne 2015 e 2016, viene richiesta la restituzione mediante bonifico bancario intestato ad Arpea; in alternativa lo stesso ente pagatore provvederà alla compensazione delle somme da recuperare con pagamenti futuri spettanti al debitore.
Vi è la possibilità di contestare tale procedimento mediante il ricorso (da effettuare entro 30 giorni dalla data di ricevimento della PEC) ma le speranze di un buon esito sono molto basse: i soldi non ci sono e il recupero è inevitabile.
Prontamente si è mossa Adialpi, l'Associazione difesa alpeggi Piemonte.
«Com'è possibile che Agea commetta degli errori simili? Ha assegnato i titoli nel 2015 per poi accorgersi che le disponibilità finanziarie della riserva nazionale non erano sufficienti per tutti? Si tratta di semplici errori di calcolo a nostro avviso inconcepibili che ora stanno mettendo in difficoltà molte aziende. Chiedere la restituzione dei premi significa stravolgere i bilanci aziendali in quanto questi soldi sono già stati per lo più spesi e il recupero sui pagamenti della campagna 2017 significa privare i beneficiari di una delle principali entrate» spiega il presidente Giovanni Dalmasso, che chiede le dimissioni di coloro che hanno sbagliato i calcoli.
«Se sbagliamo noi nell'impostazione della domanda PAC, ad esempio sulle tare dei terreni, ci chiedono indietro i soldi; se sbagliano loro nel calcolo dei titoli, ci chiedono nuovamente indietro i soldi. In pratica il margaro ci perde sempre, sia che abbia torto, sia che abbia tutte le ragioni come in questo caso» aggiunge il presidente di Adialpi.
d.i.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento