DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 10 maggio


Giovedý 7, Maggio 2015
in  Il Vangelo della Domenica


'Rimanere' per poter 'amare'. Ecco le due parole che caratterizzano la parola di Gesù in questo vangelo. La scorsa domenica Gesù ha affermato che senza di lui, senza il rimanere attaccati a lui come un tralcio alla vite, non potremo dare frutto buono. Oggi aggiunge: sono io che ho scelto voi, e il mio desiderio è che portiate un frutto che non si deteriora, che 'rimane'.


Tutto inizia, dunque, da una amore a prescindere! Che io sia amato dipende da lui, parte unilateralmente da lui, che ha detto di sì a me prima che io dica di sì a lui. Non è straordinario? ...sapere che il Signore ha scelto me, che mi ama così come sono, che sono importante per lui, che sono nel suo cuore, che mi guarda attendendo e custodendo la mia gioia. Sì, la gioia, la mia gioia è in cima ai pensieri di Dio su di me.


Quale 'comandamento'? L'amore. Ma non un amore qualsiasi, ma: «che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi». Non basta amare, potrebbe essere solo un fatto consolatorio, una forma di possesso o di potere. Ci sono anche amori violenti e disperati.


Allora Gesù vi aggiunge, legandolo strettamente, 'gli uni gli altri'. L'amore sia sempre un rapporto di comunione, un faccia a faccia. Non si ama l'umanità in generale, si amano le persone ad una ad una.


E poi, ecco lo specifico del discepolo: 'come io vi ho amato'. Amare lo fanno in molte persone, in molti modi. Ma amare come Cristo, vuol dire per primo e gratuitamente, nel rispetto e nella verità, nei pensieri, negli sguardi, nei gesti, nelle scelte. Amore è concretezza, quotidianità, fatica, fedeltà, passione (nel senso di patire!). Proprio come ha saputo fare Gesù, che si è donato completamente.


Come Lui si è fatto canale dell'amore del Padre, così ognuno, già amato e proprio perché scelto nell'amore, è chiamato ad essere canale non intasato di un amore che scende dall'alto e desidera circolare nelle vene del mondo. Quando si ottura una vena, lì attorno qualcosa del corpo muore. Se mi chiudo, anche attorno a me qualcosa muore, a partire dalla gioia.


Non servi ma amici, così siamo agli occhi e al cuore di Dio. Per questo, come il migliore degli amanti, egli non negherà mai nemmeno una goccia d'amore a chi gliela chiede!


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)