DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 12 giugno


Giovedý 9, Giugno 2016
in  Il Vangelo della Domenica


Gesù mi chiede di non vergognarmi mai di essere 'innamorato' di lui! Il fariseo che ha invitato Gesù a casa sua non ha capito nulla di Dio: si intestardisce a considerarlo un giudice di chi sbaglia, un padrone che paga in proporzione ai meriti guadagnati con l'osservanza di qualche precetto o di qualche pratica religiosa. Gesù gli annuncia una santità diversa. Gli mostra che chi ha sbagliato e non puó vantarsi di una sua presunta 'giustizia' è paradossalmente più vicino alla verità: la 'giustizia' non è una conquista dell'uomo, ma un dono gratuito di Dio! È una questione d'amore. Accolto nel cuore. Gesù incontra una donna peccatrice e si lascia avvicinare da lei, e addirittura le rimette i peccati, dicendo: «Sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco». Gesù è l'incarnazione del Dio Vivente, Colui che porta la vita, di fronte a tante opere di morte, di fronte al peccato, all'egoismo, alla chiusura in se stessi. Gesù accoglie, ama, solleva, incoraggia, perdona e dona nuovamente la forza di camminare, ridona vita. In tutto il Vangelo noi vediamo come Gesù con i gesti e le parole porta la vita di Dio che trasforma.
E' l'esperienza della donna che unge con profumo i piedi del Signore: si sente compresa, amata, e risponde con un gesto di amore, si lascia toccare dalla misericordia di Dio e ottiene il perdono, inizia una nuova vita. Dio, il Vivente, è misericordioso! Incontrare questo Dio Misericordioso cambia la vita. Quella donna lo aveva incontrato in Gesù e aveva ascoltato le sue parole, tutto in lei era cambiato, era avvenuto il miracolo. Come esprimere la sua gioia? Con i gesti che il suo affetto, il suo cuore, la sua sensibilità di donna le suggerivano: il profumo, i baci, i capelli sciolti, le lacrime. Gesti che Gesù capisce immediatamente e accoglie, mentre sconcertano e scandalizzano gli altri. Il suo pianto non è per il rimorso dei peccati, ma per la gioia di sentirsi finalmente amata e perdonata, anche lei capace di futuro, capace di un amore nuovo e più grande.
Tutti siamo ugualmente debitori davanti a Dio, debitori di un amore infinito. Ma chi si lascia toccare dalla tenerezza di Dio, non ha paura di essere perdonato, cioè amato infinitamente, questi impara ad amare. E più ti lasci gratuitamente perdonare, più sentirai la necessità di amare; meno permetterai al perdono di Dio di toccarti, meno scoprirai la gioia dell'amore.
La donna ha amato, tanto, male, facendosi del male, ma ha amato. A Dio basta. Lui, che è l'Amore, riconosce l'amore anche quando è fatto a pezzi, è fragile, è disperato. Dio va dritto all'essenziale: guarda dentro, al desiderio, al dolore, alla verità. Quell'amore è l'origine del perdono, e il perdono che Dio dà smuove l'amore, puro, grande, misericordioso.
Tutti siamo perdonati e amati. Chiamati a costruire il sogno di Dio: una comunità di persone che hanno sperimentato nella propria vita la tenerezza del Padre e, perció, diventano capaci di perdono e di misericordia.
Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)