DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 14 giugno


Giovedì 11, Giugno 2015
in  Il Vangelo della Domenica


Nel riprendere il cammino del Tempo Ordinario, ritroviamo l'evangelista Marco, uomo dell'essenziale, di ció che è necessario e sufficiente per diventare buoni discepoli del Maestro. Due parabole, quelle raccontate da Gesù, per dirci la bellezza della vita, per vincere le nostre paure, per farci alzare gli occhi a Colui che getta il seme... alla mano da cui arriva e al dono che quella mano posa.


Ma è bello partire dall'ultima annotazione dell'evangelista: «in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa». Non è facile accogliere un messaggio che, pur nella semplicità della parabola, è così controcorrente e impegnativo. Sono necessari silenzio, preghiera, dialogo con Cristo 'in privato' e ascolto spirituale, per accogliere la luce di queste splendide piccole parabole. Proviamo anche noi a fare così, mentre ci accingiamo ad ascoltarle.


Cosa e come è il regno di Dio? ...è come quando un uomo semina: Dio è il buon seminatore, egli immette in noi e nella creazione tutta le sue energie sotto forma di germe, di seme. Il compito del terreno, il nostro, è di accogliere e accudire quei semi vitali di Dio perché possano giungere a maturazione.


A volte chiediamo qualche 'grazia' al Signore, e come risposta lui ci mette in mano un pugno di sementi, da far fiorire.


E poi, proprio come avviene nei campi, il seme germoglia per sua forza interiore: le cose di Dio, le cose buone germogliano, nel mondo e nel cuore, sempre.


Spesso genitori ed educatori delusi si lamentano: ho cercato di insegnare la fede ai miei figli, ma non mi hanno seguito. Dove ho sbagliato? Innanzitutto nessuno sa ció che accade nell'intimo di una persona. E poi i figli non sono vuoti, anche in loro il seminatore ha gettato il seme... ma forse cercano persone credibili, più di maestri che ripetono la lezione. E poi, come dice il vangelo, se tu hai seminato buon grano, che tu dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce, perché la forza è nel seme e non nel seminatore.


Allora, come ci insegna Gesù nelle parabole, anche noi abbiamo il compito di seminare tenacemente e con fiducia, sempre. Bando a tristezze e lamentazioni sui tempi difficili, sui figli che non ascoltano, sulla perdita dei valori... Proviamo a seminare con fiducia granelli di onestà, granelli di dignità, granelli di ottimismo, granelli di bontà. E scommettiamo sulla potente energia delle cose buone, delle cose di Dio. Mentre il nemico semina morte, noi come contadini pazienti e intelligenti pensiamo a seminare buon grano. Tutta la nostra fiducia è in questo: Dio è all'opera, in silenzio e con piccole cose, destinate a spaccare anche le rocce, a perforare gli asfalti. Perché il regno di Dio è così...


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento