DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 17 aprile


Giovedý 14, Aprile 2016
in  Il Vangelo della Domenica


Oggi, giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, il vangelo ci conduce dentro la voce di Gesù che chiama all'ascolto e alla fiducia.
«Le mie pecore ascoltano la mia voce». Ascoltare: è il primo servizio da rendere a Dio, e insieme il servizio da rendere all'uomo. Ascoltare qualcuno è già dirgli: tu esisti, tu sei importante! Quanta tristezza, malinconia e delusione quando non siamo ascoltati da nessuno! Ascoltare è amare; ascoltare è pregare! Ecco il primo invito di Gesù: impara ad ascoltare la mia voce, come anch'io so ascoltare in ogni istante la tua. Come riconoscere la sua tra le tante voci del quotidiano? È necessario abituare l'orecchio. Chi ascolta solo per cinque minuti una persona e poi per un anno non la sente più, ben difficilmente sarà in grado di distinguere la sua voce in mezzo alla folla. Chi ascolta il vangelo solo una volta all'anno, non impara a riconoscere la voce del Signore che parla.
« ...io le conosco ed esse mi seguono». Seguire è fidarsi. E non è facile fidarsi di Gesù perché egli non promette successi e trionfi, glorie e ricchezze, come fanno altre voci che si propongono come 'pastori' nel vociare del mondo. Gesù chiede il dono di sé, la rinuncia al proprio tornaconto, il sacrificio della vita per amore. Eppure, egli assicura, questo è l'unico cammino che introduce alla vita eterna. Non ci sono scorciatoie: chi indica altre strade sta barando e conduce alla morte. L'unico 'pastore' è Cristo, l'Agnello che ha immolato la propria vita per amore. Sue 'pecore' sono tutti coloro che hanno il coraggio di seguirlo in questo dono della vita per e nell'amore.
« ...non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano». Gesù è il 'pastore' che non ha paura di lottare fino a dare la vita perché nulla e nessuno possa 'strappare' dalle sue mani le sue 'pecore'. La loro salvezza è garantita non dai loro meriti, ma dalla sua iniziativa, dal suo coraggio, dal suo amore gratuito, incondizionato. Questa è 'la notizia' (Vangelo)! Anche chi ha sbagliato tutto nella vita è assicurato dal suo Pastore: le tue miserie e i tuoi errori non riusciranno a sconfiggere l'amore di Cristo!
«Il Padre mio, che me le ha date...». Questo è un mistero profondo, non facile da comprendere: se io mi sento attratto da Gesù, se la sua voce riscalda il mio cuore, è grazie a Dio Padre, che ha messo dentro di me il desiderio dell'amore, della verità, della vita, della bellezza... e Gesù è tutto questo in pienezza!
Qui abita il mistero della vocazione, specialmente delle chiamate ad una speciale consacrazione. A volte Gesù ci chiama, ci invita a seguirlo, ma forse succede che non ci rendiamo conto che è Lui... Allora preghiamo invocando l'intercessione di Maria, la Donna del 'sì'. Lei ha imparato a riconoscere la voce di Gesù fin da quando lo portava in grembo. Ci aiuti a conoscere sempre meglio la voce di Gesù e a seguirla, per camminare nella via della vita!
Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)