DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 18 ottobre


Giovedì 15, Ottobre 2015
in  Il Vangelo della Domenica


Le espressioni usate dai figli di Zebedèo ci appaiono un po' esagerate, eppure racchiudono il senso di gran parte delle nostre stesse preghiere quotidiane: chiediamo al Buon Dio di fare le cose che gli stiamo chiedendo. E il Signore ci presta ascolto, proprio come fa Gesù con quei due fratelli.


L'oggetto della richiesta, peró, parte da una buona misura di 'incoscienza': «Voi non sapete quello che chiedete». E spiega: ogni tua preghiera deve 'passare attraverso' di me; cioè: tu devi percorrere i miei sentieri, posare i tuoi piedi dentro le orme mie... e sai che significa? L'entusiasmo fa dire: sì, noi berremo al tuo calice, ci immergeremo nel tuo battesimo. E Gesù li rassicura, profetizzando la loro conversione, cammino che ripartirà nuovo il mattino di Pasqua, si rivestirà del fuoco della Pentecoste, li spingerà nel vento della testimonianza. Ma, in realtà ora essi non capiscono. E nemmeno gli altri dieci, che leggono la loro preghiera come un meschino desiderio di potere. Gesù, allora, li chiama a sé, gesto di tenerezza e pazienza (fa sempre così quando noi non capiamo), e disegna il progetto del potere con i colori del servizio.


«Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore». Gesù non dice che non bisogna cercare il potere, egli insegna che la 'differenza cristiana' sta nel modo di viverlo. Molte volte, anche tra i cristiani, c'è l'idea che il potere non debba essere cercato, quasi addirittura disprezzato. Oggi, qui, Gesù afferma che il potere puó essere un modo di servire l'uomo, di aprirgli strade di autentica libertà. 'Essere grandi' è un sogno e una promessa di Gesù per ogni uomo e ogni donna, fieri, liberi, regali... capaci di prendersi cura del crescere degli altri, della loro liberazione e promozione. Allora, per esempio, l'impegno 'politico' come impegno per l'uomo c'entra con il Vangelo? Sì, ma dentro le categorie e i colori del servizio dell'uomo.


Il modello è Gesù, colui che «non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». La più sorprendente di tutte le definizioni di Gesù. Parole da vertigine: Dio è il mio servitore! Egli non tiene il mondo ai suoi piedi, è inginocchiato Lui ai piedi delle sue creature! È il Dio che mi ha creato per amarmi e servirmi, qui e per sempre. A servizio della mia felicità.


E se Dio è mio servitore, 'servizio' è il nome vero e felice delle mie giornate, della mia famiglia, dei miei pensieri e gesti di amore... dell'aurora di una civiltà nuova.


Buona domenica!

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento