DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 19 luglio


Giovedý 16, Luglio 2015
in  Il Vangelo della Domenica


È importante non lasciarci sfuggire quella parola che nel vangelo di oggi dipinge di colore stupendo tutta la vita, di Gesù e dei suoi discepoli: la compassione.


Gesù ha 'compassione': il suo sguardo va a cogliere la stanchezza, gli smarrimenti, la fatica... e si commuove. Egli ha nei confronti dei discepoli e di tutti coloro che gli si avvicinano (anche di me e di te!) una tenerezza come di madre.


C'era così tanta gente attorno, dopo che essi erano arrivati dal predicare e portare conforto e guarigione, che neanche riuscivano a trovare il tempo per mangiare. E Gesù dice: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'». Non chiede loro di andare a pregare o a fare chissà cosa, semplicemente un po' di tempo tutto per loro: è un gesto di tenerezza bellissimo.


Per Gesù viene sempre prima di tutto la persona. Prima dei risultati, delle pagelle, dei successi... più di ció che fai, a lui interessa 'come stai'! E non devi sentirti in colpa se qualche volta hai bisogno di riposo e di attenzioni, sono necessari.


Sant'Ambrogio diceva: 'Se vuoi far bene tutte le cose, ogni tanto smetti di farle'. Non è anche un piccolo bagno nell'umiltà? Noi non siamo dei super uomini e delle super donne... le nostre vite sono fragili, delicate; il riposo è oasi per la loro salvezza.


In disparte, per ritrovare le luci del cielo, per ritrovare le grandi stelle polari che vegliano sul viaggio dell'uomo e lo guidano. Sì, fai tutto quello che puoi e che sai con tutto l'impegno che hai, ma poi lascia fare tutto a Dio, con leggerezza e fiducia.


Un imprevisto, peró, fa cambiare i programmi, ma solo quelli di Gesù, non quelli dei suoi: 'Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose'.


È la compassione che Gesù vive e insegna: egli sa che non è il dolore che annulla la speranza, ma l'essere senza conforto. Gesù insegna innanzitutto uno sguardo che abbia commozione e tenerezza, le parole verranno, verranno da sé.


E questo vale per me, per te, per ognuno di noi. Quando ritrovi la compassione e la tenerezza, allora c'è speranza per il mondo.


Prenditi tempo per amare ed essere amato, perché questo è il privilegio che Dio ti ha regalato.


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)