DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 20 dicembre


Giovedì 17, Dicembre 2015
in  Il Vangelo della Domenica


Mentre impariamo ad accogliere Colui che si fa vicino ('avvento'), due donne ci guidano in questa quarta e ultima domenica prima del Natale. Donne, come donne saranno le prime ad accogliere e annunciare il Risorto. Da loro la storia, l'umanità, la Chiesa, sono chiamate ad imparare!


Maria, con in grembo il seme dello Spirito, sente la 'fretta' di andare incontro alla cugina, per rendersi utile, perché la Vita che è in lei, che ormai è parte inscindibile di lei, porti subito frutti di misericordia, di gioia, di servizio, di pace.


Lo Spirito, vento che gonfia le vele dell'umano, è il vero protagonista della storia nuova, della storia che ha il sapore della vita. Come ha alzato in fretta Maria mettendola in cammino, così, lo Spirito, alzandomi, mette fretta al mio passo e ai miei desideri di servizio, di pace, di misericordia.


È lo Spirito che, colmandola con la sua presenza, rende Elisabetta capace di riconoscere la voce misteriosa del Salvatore, nascosto nel grembo di Maria. È lo Spirito che, quasi ripetendo i gesti di gioia del giovane re Davide davanti all'Arca dell'Alleanza, fa danzare Giovanni nel ventre della madre. È nella forza dello Spirito, dunque, che Gesù presente e operante ci alza, ci fa camminare, ci restituisce lo stupore, ci fa danzare nella gioia del Regno ormai vicino.


Maria è la nuova arca dell'alleanza. Dio non abita più in costruzioni di pietra, in un tempio, in un luogo sacro, ma nel grembo di una donna! E ovunque giunge Maria, la nuova arca dell'alleanza, c'è danza di vita!


In ogni tempo, anche oggi, ci sono molti 'Zaccaria', resi muti dalla difficoltà a credere, e molte 'Elisabetta' la cui vita rischia di intristire nella sterilità. Ma Lei, Maria, percorre ancora le nostre strade perché lo Spirito ci raggiunga e da Lui ci lasciamo toccare perché fiorisca la vita.


«Beata colei che ha creduto nell'adempimento di ció che il Signore le ha detto», esclama Elisabetta. È la prima beatitudine che si incontra nel vangelo, ed è una benedizione che da Maria discende su tutte le donne e coinvolge in un'energia divina tutta l'umanità. Ogni prima parola tra gli uomini dovrebbe portare in sé benedizione. Dire a qualcuno 'ti benedico' significa vedere il bene prima di tutto, significa avere uno sguardo di stupore sulle persone, senza rivalità, senza invidia, significa iniziare ogni rapporto dentro la 'misericordia', così come fa il Padre che è nei cieli! Perché, se non imparo a benedire, con la misericordia del Padre, la vita e chi ho accanto, non potró mai essere felice, non potró mai danzare, sorridere, avere pace.


Maria ed Elisabetta ci insegnano la fede, che non ha bisogno di dimostrazioni, visioni o verifiche. Si fonda sull'ascolto della Parola e sull'adesione ad essa. Vale la pena fidarsi delle parole del Signore, sempre.


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento