DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 22 marzo


Giovedý 19, Marzo 2015
in  Il Vangelo della Domenica


Alcuni greci esprimono il desiderio di 'vedere' Gesù. È espressione che, usata dall'evangelista Giovanni, indica non una semplice curiosità, ma un vero desiderio di conoscere e di credere. E Gesù risponde con due immagini: il chicco di grano e la croce. Se volete vedere me, dice, guardate il chicco di grano; se volete capire me, guardate la croce.


«Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto»: affermazione difficile e, se intesa male, anche pericolosa, perché potrebbe dare origine ad una spiritualità basata solo sulla sofferenza, sul sacrificio, sulla rinuncia, ma questo sarebbe sbagliato. Il verbo principale della frase, infatti, non è 'morire', ma 'portare frutto'. Un seme non è vuoto, anzi, è una miniera di vita in germe, è un vulcano di vita pronto ad esplodere. Quando viene seminato, non inizia la morte, ma un lavorio infaticabile. Il germe si nutre del resto del chicco fino a quando si lancia verso il basso, nelle radici, e verso l'alto, per spaccare la terra con la forza di una fragile fogliolina, inizio di futuro ricco di speranza, già carico di promesse di frutto. Il seme e il germoglio sono la stessa cosa, trasformata nella forma. È come il fiore che muore e risorge nel frutto. Quello che il bruco chiama fine del mondo, tutto il resto del mondo lo chiama farfalla!


Gesù, usando l'immagine del chicco, dichiara che la vita è già presente, nascosta, nelle leggi della vita. Anche ciascuno di noi è chicco di grano seminato nella terra accogliente di una famiglia, di una scuola, di un lavoro, di una relazione di amicizie e di affetti. Se so nutrire il chicco con lo spogliamento dell'amore, allora la vita non la perderó, ma la moltiplicheró.


E poi, c'è la croce, dove, come per il chicco di grano, già respira la risurrezione. Gesù crocifisso, innalzato sopra i campi della morte, è amore nuovo, fatto visibile a tutti. Innalzato sopra i campi della vita, Gesù è amore che esprime il grido di vittoria su ogni morte, è germoglio indistruttibile di speranza e di vita, per oggi e per l'eterno!


Anch'io voglio 'vedere' Dio? Gesù mi invita a guardare e camminare non anzitutto là dove c'è la forza e la potenza, ma là dove c'è l'amore, là dove c'è il seme che muore per dono.


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)