DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 23 aprile


Giovedì 20, Aprile 2017
in  Il Vangelo della Domenica


Pace a Voi! 
Domenica prossima queste parole risuoneranno come un ritornello! Parole che il Signore risorto rivolge a dei fratelli amati e da Lui salvati! Ma l'insistenza con la quale Gesù rivolge questo augurio ai dodici mette in evidenza piuttosto la paura e il contrasto tra quanto è avvenuto- la Risurrezione -  e la comprensione di tale evento da parte dei discepoli. 
I Vangeli ci raccontano che alla mattina le donne trovarono il sepolcro aperto e vuoto e l'angelo che annuncia la risurrezione. Alla sera invece ci vengono presentati i discepoli in un luogo dalle porte chiuse... da un lato un sepolcro, destinato a custodire un corpo morto, è aperto e vuoto, dall'altro una casa, che accoglie dei vivi, ha delle porte ben chiuse. Viene da chiedersi quale sia il vero luogo della morte... Un sepolcro o una casa? 
Sebbene ricevuto l'annuncio delle donne, i discepoli non credono alla risurrezione di Cristo, non riuscendo a vivere da uomini liberi, risorti! Ed anche noi, dopo aver celebrato con gioia la Pasqua, e dopo averla anche solennizzata con qualche buon pasto, ci ritroviamo forse a riprendere a vivere i nostri ambienti, le nostre vite, un po' come i discepoli: chiusi nelle nostre case, nelle vite forse abitate da paure, da fatiche... insomma a vivere più da morti che da risorti. 
E allora la bella notizia del Vangelo che ci rivolge un invito: 'pace a voi!' quasi che il Signore dicesse a noi oggi: 'non temere, abbi fiducia! Io ho vinto su ogni paura, su ogni morte: fisica, morale, psicologica, spirituale!'
Forse anche noi come Tommaso potremmo ribellarci ad un annuncio di facili consolazioni! 
Se non vedo non credo... quasi che si potesse credere alla risurrezione solamente dopo aver toccato con mano, nella nostra vita, la risurrezione!
L'annuncio della Pasqua è invece un invito ad accogliere con fiducia la possibilità di vivere da redenti, ad osare di credere che la risurrezione sia possibile già qui, ora!
È l'esperienza delle donne del Vangelo! Andate a visitare il sepolcro, incontrato l'angelo, esse accolgono con fiducia la notizia della risurrezione e si fanno a loro volta messaggere di qualcosa che non avevano peró constatato... avevano visto semplicemente dei segni: la pietra della tomba rotolata via ed un sepolcro vuoto. È solo dopo aver creduto e sulla strada che le portava ad annunciare la risurrezione ai fratelli che incontrano il Cristo. I discepoli, invece, rinchiusi nella casa, rischiano di vivere ripiegati su se stessi, nella ricerca di conferme sempre più esplicite, mai sufficientemente soddisfacenti per osare di fare un primo passo fuori della loro casa, al di fuori delle loro convinzioni. 
Invece il Signore questa domenica ci esorta a credere nella sua risurrezione, nella sua misericordia e, donandoci la Sua pace, ci incoraggia ad osare di vivere da salvati, da redenti! 
Sia questo tempo pasquale un tempo in cui possiamo osare di credere alla risurrezione nelle nostre vite! 
Buona domenica!

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento