DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 29 maggio


Giovedì 26, Maggio 2016
in  Il Vangelo della Domenica


La festa del Corpus Domini, festa del corpo di Cristo offerto come pane, dice che il senso della vita è il dono di sé: unica strada per una felicità che sia di tutti.
Il vangelo di oggi inizia con il racconto che sempre riassume Gesù: egli parla a tutti del Regno di Dio e guarisce tutti coloro che hanno bisogno di cure. Gesù è così, annuncia che Dio è regno d'amore, è mani che curano le piaghe dell'uomo, e lo conferma con azioni concrete, fisiche, che toccano il corpo. D'altra parte si è 'fatto carne' proprio per assicurarci che a lui non interessa solo un'anima, una mente, un pensiero, ma l'uomo intero nella sua concretezza di storia, di gioie, di bisogni, di strade, di rapporti, di lacrime, di peccati, di sorrisi. Per questo uomo, egli 'dona' se stesso.
Poi si fa sera e bisogna pensare alle cose pratiche: ci sono troppe persone che sono senza mangiare, ...«congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo». Ma Gesù non manda via, non ha mai mandato via nessuno. Replica, invece, con una richiesta seria, che inverte la direzione del racconto: «Voi stessi date loro da mangiare»!
'Date!'. È un ordine che attraversa i secoli, arriva fino a me, echeggerà nel giorno del giudizio: «ho avuto fame e mi avete dato da mangiare», «...e non mi avete dato da mangiare». Dio lega la salvezza a un po' di pane donato, e la sconfitta della storia a un po' di pane negato.
Dare, donare, condividere, sono le parole che raccontano il senso della festa di oggi. Ma ho poco, troppo poco, Signore! Non importa quanto hai ma come lo usi, se con le mani chiuse per trattenerlo o con le mani aperte per condividerlo posandolo nella benedizione del Signore. Il miracolo ci penserà Lui a farlo, come sempre, ma ha bisogno del mio 'dono'.
Ed è un dono che tocca il corpo, perché Cristo ha voluto fosse proprio il suo Corpo ad essere la sua relazione più profonda con noi. L'eucaristia è festa del Corpo. Egli vuole che la nostra fede si appoggi non su delle idee, ma su una Persona, che ha condiviso tutto di me e che mi chiede oggi di assorbire di lui la storia, i sentimenti, le piaghe, le gioie, la luce.
'Vado a fare la comunione', diciamo. Invece in realtà è Cristo che vuole e viene a fare la comunione con me, è lui che 'offre' se stesso a me, è lui che mi aspetta ed è felice che io sia arrivato. Io posso solo accoglierlo, con meraviglia e stupore. Non ho nulla che sia degno di un Dio: 'dovresti guardare a qualcun altro... dovresti lasciarmi...'. Ma lui non mi ha mai lasciato, non se n'è mai andato, non mi abbandona mai. Uscendo dalla chiesa porteremo agli altri questa certezza: Dio non abbandona mai nessuno! Apri il cuore ad accogliere, e fai di te un dono: la vita ti abbraccerà.
Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento