DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Domenica 6 marzo


Venerdì 4, Marzo 2016
in  Il Vangelo della Domenica


'Nelle parabole dedicate alla misericordia (come quella del padre e i due figli), Gesù rivela la natura di Dio come quella di un Padre che non si dà mai per vinto fino a quando non ha dissolto il peccato e vinto il rifiuto, con la compassione e la misericordia. In queste parabole, Dio viene sempre presentato come colmo di gioia, soprattutto quando perdona. In esse troviamo il nucleo del Vangelo e della nostra fede, perché la misericordia è presentata come la forza che tutto vince, che riempie il cuore di amore e che consola con il perdono'. Con queste parole Papa Francesco ricorda a tutti il volto del Padre di Misericordia, proprio nel testo della lettera di indizione del Giubileo, che stiamo vivendo.
Dobbiamo convertirci a questo vero volto del Padre: lì inizia ogni autentica e fruttuosa conversione! Se non partiamo dal volgere lo sguardo a Dio, al Dio del vangelo, sono inutili, vuote, infruttuose anche tutte le opere che ci imponiamo, con sacrificio e abnegazione, perché opera delle mani dell'uomo e non creta posata nelle mani del Padre, perché sia Lui a modellare ogni cosa in capolavori d'amore.
Ascoltiamo con attenzione questa parabola di oggi e scopriamo che chi 'si converte' in continuazione è il Padre, mai rinunciando al suo progetto di amare e di dare la vita per i suoi figli. Dare la vita, cioè donare, regalare la sua per rigenerarla in noi, ogni volta che la sciupiamo.
Il centro della parabola non è il figlio prodigo, ma il padre buono: che ama senza misura, forte come una roccia nel saper attendere, dando fiducia e libertà, e tenero come una madre nel saper accogliere.
Un Dio differente, diverso non solo da quello dei farisei, ma anche dall'immagine che spesso noi ancora ci portiamo in cuore. Eppure, il Dio di Gesù Cristo, il nostro Dio è un Padre più grande di ogni nostro errore, di ogni nostra fuga, di ogni nostra resistenza ad accettare il fratello... un Padre più grande del nostro cuore.
La parabola non descrive il finale, come nelle favole, perché il futuro di entrambi i figli, così diversi negli atteggiamenti ma simili nella necessità di 'imparare' il padre, il futuro di me e di te, fratelli e sorelle in fughe e ritorni, è nelle mani del cammino della nostra libertà.
Padre, sono tuo figlio. Grazie di essere Padre a questo modo, nessuno poteva immaginare un Dio così!
Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento