DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

E il ferro dove è sparito?


Alla ex Lavalle di Venasca

Venerdì 3, Aprile 2015
in  Valle Varaita


VENASCA - Brutta sorpresa per l'Amministrazione comunale di Venasca che ha dato il via all'ingente opera di demolizione dei capannoni della ex Lavalle, la fabbrica di cofani funebri fallita qualche anno fa, per far posto alla nuova area produttiva che, grazie al contributo regionale di circa 7 milioni di euro, permetterà l'intera sistemazione dell'area con l'insediamento di due ditte, la Seris s.r.l. e la Proppy Gel s.r.l.
L'appalto dell'intervento di demolizione è stato vinto dalla Demoltorres di Sassari, specializzata in demolizioni e smaltimenti, che ha iniziato i lavori in queste settimane.
Nel computo dei costi per la demolizione erano stati calcolati anche i proventi dalla vendita del ferro presente in grande quantità nelle strutture, a cominciare dai portoni, finestroni, strutture portanti dei tetti, ecc.
Parte di questi proventi ora non potranno più essere realizzati perchè una discreta quantità di ferro è sparita.
Altri danni pare si siano riscontrati anche nelle abitazioni che facevano parte del lotto acquisito dal Comune di Venasca, che risulterebbero prive degli impianti di riscaldamento (spariti i termosifoni) e di altri materiali nobili (rame).
L'Amministrazione comunale è intenzionata a sporgere denuncia di furto ai Carabinieri.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento