DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

I Cavaliewri d'Aleramo a Saluzzo


Giovedý 19, Luglio 2012
in  Cucina Piemontese



Giovedì 12 luglio, i cavalieri d'Aleramo sede Cuneo Nord, nel dehor dell'amico Pierre del bar Pellico di Saluzzo, hanno presentato i piccoli frutti del comune di Martiniana Po' trasformati per l'occasione in torte di frolla e crostate con marmellata di lamponi e di mirtilli realizzate espresse per l'evento. Alcune torte erano realizzate con i mirtilli canditi e la ricotta di capra del Caseificio Valform di Martiniana Po'.


Alla presentazione delle torte c'era la presenza del vice sindaco e consigliere provinciale Zetti Carolina e del sindaco di Centallo Panero Antonio ch ehanno collaborato attivamente perché le forze amministrative devono lavorare per i cittadini in una sorte di patto indiscindibile per allontanare il divario e distacco venuto a crearsi con il tempo, per dicerie e per la poca credibilità che vantano oggi i nostri politici in generis grazie ai continui scandali ad indirizzo esclusivamente di arricchimento personale. Curioso era osservare la gente che guardava ed era stupita che dei sindaci fossero parte attiva fra la gente, realtà molto lontana dalla nostra quotidianità. Le torte sono state tutte offerte ai passanti e turisti prsenti nel centro di Saluzzo nella manifestazione 'Negozi aperti edizione 2012'. Questa iniziativa è stata la prima con il bar Pellico di Slauzzo, ma altre novità ci sono all'orizzonte per far conoscere gli avventori del Marchesato, paese caduto nelle mani dei Savoia con il patto di Lyon del 1601. Gli Aleramici sono molto legati alla città di Saluzzo, inoltre il presidente Osella è nato nella città di Saluzzo. È una cittadina bellissima, ai piedi del Monviso ricca dicultura, opere d'arti e soprattutto gente gioviale che ti fa sentire a casa tua immediatamente. Non è necessario andare lontano per fare un turismo di cultura e d'enogastronomia, basta visitare Saluzzo per capire quanto si è perso nel tempo e quanto possiamo arricchirci visitandola... Le torte erano servite appositamente su piatti di ceramiche e con forchette di acciaio, e su questo punto non si è voluto cadere nel banale piattino di plastica e forchettina perché si sarebbe svalorizzato il grande lavoro che si andato a fare per realizzare le torte e soprattutto perché i piatti e le forchette si lavano e non si aumentano i rifiuti da smaltire. Le buone abitudini e tradizioni sono nuovamente da promuovere e soprattutto i piatti lavati servono anche a far capire che il cibo consumato era gradito perché diversamente sarebbe andato tutto cestinato talmente rapidamente senza neppur domandarsi: 'Sarà piaciuta la torta?'. I Cavalieri d'Aleramo, nuovamente hanno lavorato per difendere la cultura di un popolo e avere utilizzato tutte le risorse e sinergie del territorio per la buona riuscita dell'evento con la unica linea di pensiero di sempre'.


Credere e vivere per i propri ideali senza mai accettare i compromessi'.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)