DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

La bellezza del cavolfiore


Venerdý 8, Novembre 2013
in  Leggere con gusto


E' una palla rotonda e compatta, di color bianco-giallognolo, bello a vedersi, sembra un bouquet circondato da foglie verdi. Ma l'odore, quello non è dei più amabili. Si tratta del cavolfiore, che cotto, inonda la casa, nauseante a volte. Di certo non all'altezza dell'amabilità nel piatto, a causa dello zolfo che contiene. Ma il cavolfiore, che nell'orto sembra un ombrello, in attesa di essere usato, ha potere nutritivo e vanta, nei secoli passati, di aver salvato frotte di marinai. Navigando per lunghi periodi senza toccare terra, e senza cibi freschi, comparivano nei marinai gravissimi problemi di tipo organico, nervoso, gastrico, per carenza di vitamina C. Tali sintomi, che portavano alla morte certa, erano scongiurati se nella dieta erano presenti agrumi, ma soprattutto cavoli. Ben presto tutte le navi oceaniche ebbero a bordo una grossa scorta di cavoli freschi, che permetteva, grazie a quella verdura fresca, ricca di vitamina C , di poter fare viaggi di molte settimane senza toccare terra.


I cavoli, a dispetto di tutto e di tutti, ispirano romanzieri e poeti, Pascoli verseggia: E m'accennavi un campo glauco, o Fiore, / di cavolo cappuccio e cavolfiore.


Muriel Barbery in Estasi culinarie, considera i cavolfiori come parte di un quadro: Carote, sedani, cetrioli, pomodori, peperoni, ravanelli, cavolfiori e broccoli: li aveva tagliati per lungo perlomeno quelli che lo consentivano, ossia tutti eccetto gli ultimi due che comunque, grazie alla loro forma a fiore, si potevano afferrare per il grembo, un po'come l'elsa della spada. Ma più coreografiche sono la carne, la maionese, le verdure, le squisite sfumature del valzer degli ortaggi: la nota piccante e insolente del ravanello e del cavolfiore, quella zuccherina e acquosa del pomodoro, quella discretamente acida del broccolo, quella generosa e ampia della carota, il retrogusto di anice croccante del sedano...E' una festa!


Anche noi possiamo fare festa se ci affidiamo ai cavolfiori gratinati, prima lessati, poi coperti con abbondante formaggio grattugiato e besciamella e passati al forno per formare una croccante e gustosa crosticina. Se accompagnati da strisce di speck, allettano pure i bambini, mentre le cuoche sono con l'umore alle stelle. Il prezzo, al mercato, è modico, l'abbuffata è certa.

 

cetta berardo

 

 

 

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)