DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

La poesia del vino


Giovedì 5, Novembre 2015
in  Leggere con gusto


Vino color del giorno,/ vino color della notte,/ vino con piedi di porpora/ o sangue di topazio, vino,/ stellato figlio/ della terra, / vino, liscio/ come una spada d'oro, /morbido/ come un disordinato velluto,/ vino inchiocciolato/ e sospeso/amoroso, /marino, /non sei mai stato presente in una sola coppa,/ in un canto, in un uomo,/ sei corale, gregario,/ e quanto meno, scambievole.


Parlare di vino in questo periodo è d'obbligo, parlarne con poesia è altro affare. Quali parole, meglio di quelle di Pablo Neruda che al vino ha dedicato un'ode, bellissima, musicale, evocativa e affettiva.


Il vino sinonimo di amicizia, sinonimo di amore. Ancora Neruda immagina di bere con accanto la donna che ama, 'che la brocca di vino/al bacio dell'amore aggiunga il suo bacio'. E la donna assume le caratteristiche del calice 'il tuo petto è il grappolo,/ la luce dell'alcool la tua chioma,/ le uve i tuoi capezzoli, /il tuo ombelico sigillo puro/ impresso sul tuo ventre di anfora'. Anche gli antichi greci attribuivano al vino queste caratteristiche e gli attribuivano tanti significati. Donna e vino, un'accoppiata felice.


Vino esistenziale, dunque. Il vino è è un'espressione assiomatica, che conferisce all'oggetto uno status esistenziale. Ma chi ha il coraggio di renderlo un dio in terra? Gina Lagorio. La scrittrice, langarola per tradizione familiare, legata alla Langa e ai suoi paesaggi, dedica un libretto smilzo dalla copertina rossa proprio al vino. Edito da Scheiwiller anni fa ed oggi introvabile, una chicca per i cultori dei libri, è un inno in prosa al vino, inteso non solo come bevanda ma come elemento di paesaggio, di cultura, di radici, di attaccamento. Retaggio di ricordi infantili, di sano divertimento tra i filari, «come l'albero, il fiore, la casa, la vigna. Ontologicamente esistente, ogni altro attributo è tautologico». Oggi il vino è affare internazionale, la gara tra i vini vede schierate le regioni, le province, i comuni: l'uno contro l'altro armati, per avere la palma del vino migliore. Produttori agguerriti, in gara per avere le copertine delle riviste patinate: un'immagine di famiglia, con sullo sfondo i vigneti e le bottiglie prodotte dalla casa fanno la differenza: si va nel mondo o si rimane in provincia. Per noi, lontani dagli affari, ma sensibili ai piaceri del palato, ricorriamo ai versi di Neruda. Così è impensabile immaginare una tavola imbandita senza la bottiglia di vino.


'Amo sulla tavola,/ quando si conversa,/ la luce di una bottiglia/ di intelligente vino./ Lo bevano;/ ricordino in ogni /goccia d'oro / o coppa di topazio/ o cucchiaio di porpora/ che l'autunno lavoró/ fino a riempire di vino le anfore,/ e impari l'uomo oscuro,/ nel cerimoniale del suo lavoro, / a ricordare la terra e i suoi doveri, / a diffondere il cantico del frutto'.


Con Neruda lo centelliniamo con trasporto, lo gustiamo col cuore.

 

cetta berardo

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento