DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

La scomparsa di don Federico Martini


LUTTO IN DIOCESI

Giovedì 18, Febbraio 2016
in  Vita Ecclesiale


SALUZZO- Martedì 16 febbraio, mentre il suono delle campane annunciava il mezzogiorno, don Federico Martini ha terminato, presso la Casa del Clero del Seminario S.Agostino, la sua esistenza sacerdotale.
Ha raggiunto gli 81 anni, ma da circa un anno era costretto a letto per le sue precarie condizioni di salute. Era nato a Cervignasco nel maggio 1934. Frequentó le scuole elementari a Cardè e il parroco don Pronino, per seguire la sua intenzione di diventare sacerdote, gli propose di entrare nel Seminario S. Agostino, e di questo egli fu sempre riconoscente al suo parroco.
Da S.Agostino passó al Seminario S.Nicola per gli studi filosofici e teologici e venne ordinato sacerdote nel 1958 da mons. Lanzo con don Oreste Golè e don Chiaffredo Domenico Ardusso. Nell'immagine ricordo della sua ordinazione aveva scritto: 'O Signore, ho un solo desiderio: amarti e farti amare'.
Ora noi, al termine della sua vita sacerdotale, possiamo dire che egli cercó di mettere in atto questo programma nei suoi 57 anni di sacerdozio, perché ovunque è passato ha testimoniato e seminato questo amore vero e profondo al Signore.
Mons. Lanzo lo invió vice parroco con don Ernesto Uberti a Barge, ove rimase 10 anni. Anni molto intensi e fruttuosi, tanto da essere ancora oggi ricordato da coloro che allora erano i suoi chierichetti che frequentavano il catechismo, l'oratorio e le varie attività giovanili.
Nel 1968 venne nominato parroco della parrocchia di S.Lorenzo di Pratoguglielmo, allora ancora popolata e in questa realtà rimase 8 anni, fino al 1976, quando venne trasferito da mons. Fustella alla parrocchia di Gambasca e contemporaneamente prestava servizio ad Agliasco. Dopo 8 anni di attività, ancora una chiamata da mons. Fustella, che lo inviava a servire la comunità di Brossasco, ove egli con la sua bontà si inserì molto bene, dove ultimamente ancora tanti parrocchiani si interessavano delle sue condizioni di salute e pregavano per lui.
Nel 1992 mons. Dho lo pregó di trasferirsi in Valle Po per assumere la cura pastorale di S. Margherita di Paesana, accanto al Vicario don Arturo Zali, suo grande amico. E a S.Margherita cercó di dare il meglio di sé e di attuare il suo programma pastorale di amare e far amare il Signore.
Vi rimase fino al 2009,  provvedendo ancora al restauro della Confraternita. Compiuti i 75 anni, volle cedere la direzione della parrocchia, scegliendo di risiedere presso la Casa del Clero nel Seminario. A Paesana lasció un grande ricordo e molti parrocchiani hanno seguito don Federico nella preghiera durante i suoi mesi di malattia e sofferenza e sovente passavano a visitarlo. Gli venne anzi conferita la cittadinanza onoraria dal Comune di Paesana, nel 2014, insieme a don Raso, suo predecessore, per l'opera pastorale, per l'impegno costante ad animare la religiosità dei paesanesi e per le numerose iniziative e per le sue doti di umanità, di altruismo e conforto nel momento del bisogno.
In questi 6 anni di presenza a Saluzzo egli continuó ad essere generoso e servizievole per andare ad aiutare i parroci, specialmente della Valle Po ed all'Ospedale di Carità di Sanfront, ove si recava volentieri per portare una parola di speranza e conforto agli ospiti e anziani ricoverati.
In questo ultimo anno di vita fu seguito dal personale, dai sacerdoti ospiti della Casa, dai famigliari, visitato da ex parrocchiani che esprimevano la loro vicinanza e la loro preghiera. Non potendo celebrare per le sue condizioni di salute, riceveva con fede Gesù Eucaristia e pregava il Signore che è venuto incontro e lo ha chiamato alla vita eterna.
Posso applicare a lui le parole di San Paolo: 'E' giunto il momento di sciogliere le vele, ho combattuto la buona battaglia, ho finito la corsa, ho conservato la fede'.
Ora il Signore doni a questo sacerdote generoso, zelante, garbato, di essere inserito nella gloria del cielo. Accogliendo il suo desiderio, verrà sepolto accanto ai suoi genitori nel cimitero di Cardè.
I funerali di don Federico Martini si celebrano giovedì 18 febbraio, alle ore 15.00, nella parrocchia S.Agostino in Saluzzo.
oreste franco

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento