DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

La scure della spending review si abbatte sull'associazionismo sportivo?


Mercoledì 30, Aprile 2014
in  Consulenza legale


Susciterà forse meno eco dei tagli agli stipendi monumentali dei manager pubblici o della elargizione della 'quattordicesima' a favore degli italiani dalla busta paga un po' troppo smagrita, ma il paventato abbassamento della soglia di tassazione dei compensi sportivi percepiti in ambito dilettantistico determinerà, ove confermato, un grave colpo ai danni delle associazioni sportive.


Queste ultime - che come noto rappresentano la base su cui poggia l'intero fenomeno sportivo -, si avvalgono, per l'espletamento delle proprie finalità non lucrative, di atleti, tecnici, giudici di gara, dirigenti e collaboratori amministrativi, i quali, per lo più nel tempo libero e con assunzione di responsabilità, svolgono attività essenziali per l'associazione, in forma gratuita e volontaria.


L'impegno di tali soggetti è solo in parte gratificato dalla previsione dei c.d. compensi sportivi che, talvolta ma non sempre, vengono loro corrisposti, sotto forma di indennità, rimborsi spese e modesti compensi.


La normativa fiscale, ed in particolare la  legge n. 342/2000 e l'art. 90 della legge n. 289/2002, si sono mostrate sensibili al fenomeno dell'associazionismo e volontariato sportivo, prevedendo che i compensi sportivi elargiti nell'ambito di attività dilettantistica a favore di soggetti non professionisti vengono inquadrati nei 'redditi diversi' (artt. 67- 69 TUIR) e risultano pertanto soggetti ad un regime fiscale agevolato.


In particolare tali emolumenti, se contenuti entro il limite di 7.500,00 euro (relativamente al periodo di imposta considerato) non concorrono a formare il reddito imponibile ai fini IRPEF di colui che li percepisce e sono quindi esclusi da tassazione.


La bozza del decreto legge IRPEF, secondo quanto scrive Italia Oggi, introduce un'importante novità riducendo la no tax area ai compensi di importo non superiore a 2.000 € e prevedendo, in deroga allo Statuto del Contribuente, che l'abbattimento della franchigia fiscale entri in vigore con effetto retroattivo al gennaio 2014.


Nessun limite massimo sarebbe invece stato introdotto per i rimborsi a piè di lista e quelli chilometrici per le attività svolte fuori dal comune di residenza; tali spese, coerentemente a quanto già chiarito dall'Agenzia delle Entrate (Risoluzione n. 38/E/2014), se debitamente documentate potranno essere rimborsate senza limiti.


Avv. Andrea Marras

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento