DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

La responsabilità negli appalti. Nuova circolare dell'agenzia entrate


Giovedì 7, Marzo 2013
in  Consulenza legale



Lo scorso 1° marzo l'Agenzia Entrate ha emanato una importante Circolare, tornando sull'argomento inerente la responsabilità del committente, dell'appaltatore e del subappaltatore per i debiti fiscali, argomento che riguarda molte imprese ed in particolare quelle del settore edile.


Ma che cosa dice la disciplina in merito alla responsabilità negli appalti? La normativa (in specifico l'art. 13-ter del DL 83/2012 convertito nella L. 134/2012) stabilisce che l'appaltatore risponde in solido con il subappaltatore del versamento all'Erario: delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell'IVA dovuta dal subappaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell'ambito del rapporto di subappalto.


Anche il committente ha delle responsabilità: con la nuova disciplina si stabilisce che il committente provveda al pagamento del corrispettivo dovuto all'appaltatore, previa esibizione da parte di quest'ultimo della documentazione attestante che i versamenti all'Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell'IVA, già scaduti, sono stati correttamente eseguiti.


La nuova disciplina si applica ai contratti di appalto e subappalto conclusi dai soggetti che stipulano i contratti nell'ambito di attività rilevanti ai fini IVA, dai soggetti IRES (le società, tanto per intenderci) e dagli Enti pubblici; sono esclusi i condomini ed i privati cittadini.


L'Agenzia delle Entrate ha poi fornito importanti chiarimenti sulla norma in oggetto.


In relazione alla documentazione che l'appaltatore/subappaltatore deve produrre per dimostrare il regolare versamento delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell'IVA, scaduti alla data del pagamento del corrispettivo, l'Agenzia afferma che puó essere utilizzata un'asseverazione di un commercialista ovvero un'autocertificazione dell'impresa.


Le nuove disposizioni in materia di responsabilità dell'appaltatore e del committente si applicano ai contratti di appalto di opere e servizi, indipendentemente dal comparto economico in cui operano le parti. L'Agenzia Entrate chiarisce quindi che la disciplina in oggetto non si applica solo al settore edile, ma a tutti i settori economici. Si specifica anche che la responsabilità è riferita alle sole fattispecie riconducibili al contratto di appalto, cioè a quel contratto, come recita il Codice Civile, 'col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro'.


dott. Mario Clericuzio

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento