DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Lampedusa fa rima con speranza


Giovedì 11, Luglio 2013
in  Leggere con gusto


Lampedusa, Lampidusa in siciliano, Lopadusa per i Greci, dalle spiagge da favola, dalle acque cristalline e azzurre, appartiene all'arcipelago delle Pelagie. Il primo autore a scrivere di Lampedusa è stato lo Pseudo-Scilace nel suo 'Periplo dell' Ecumene marittima di Europa, Asia e Libia' che la descrive come un' isola abitata dai Cartaginesi nel IV secolo a.C.: E dopo l' istmo si trova Cartagine,  una città dei Fenici con un porto, si costeggia quindi per mezza giornata da Cartagine fino ad  Capo Bon (Hermaia). Piccole isole sono raggiungibili da Capo Bon (Hermaia), come Pontia e Pantelleria (Kosyra). Per giungere da Capo Bon (Hermaia) a Pantelleria (Kosyra) è necessario un giorno di viaggio. Passato Capo Bon facendo vela verso il sorgere del sole (Est) a poca distanza ci sono tre piccole isole abitate da Cartaginesi: Malta (Melita) con una città ed un porto, Gozo (Gaulos) con una città Lampedusa (Lampas) che ha due o tre torri.


Qualche anno fa l'isola era famosa sui rotocalchi per la spiaggia dei Conigli, meta di vip e per la villa chiacchierata di Domenico Modugno, recentemente ha fatto clamore per lo sbarco di tanti disperati.


Maledetta, derisa, messa alla gogna come rea di attrarre presenze scomode, dimenticata dai politici, come reproba, l'isola è diventata nell'immaginario dell'opinione pubblica come la sentina di tutti i mali: colpa dell'isola-ponte, se in Italia ci sono tanti immigrati.


Invece oggi, in televisione, ho colto l'orgoglio di parroco, sindaco e isolani per essere diventati in un momento al centro del mondo: l'essere stati scelti dal papa per la sua visita pastorale. Bellissimo il gesto papale, un riconoscimento dovuto alla sofferenza e alle morti, alle voci soffocate dalle onde, per sempre.


Il mare è, da sempre, il simbolo del viaggio, dell'avventura, il regno di Ulisse, con i suoi colori e i suoi odori. Evoca, nel bene e nel male, partenze e approdi. Qui, a Lampedusa, il mare si è tinto di tanti colori, ha assorbito tanti suoni, ha inghiottito tante storie. Ma oggi bambini, donne, uomini di paesi diversi, dal colore scuro e dallo sguardo smarrito hanno avuto il riconoscimento della loro dignità. E così Lampedusa si tinge ai miei occhi di un colore brillante, intenso, quello della speranza che si unisce ad un vocabolo poco usato, tenerezza. Questo è il termine che papa Francesco sussurra e grida più volte. I sapori di Lampedusa mi affiorano intensi: sono i sapori del cibo che qui è ricco e colorato. In particolare ricordo le pennette al sugo di triglie, mangiate con gusto anni fa in terra di Sicilia.


Ingredienti pochi: triglie sfilettate, pomodori ciliegino, finocchietto selvatico, uva passa, olio, cipolla, vino bianco, peperoncino, noce moscata, finocchietto selvatico, preparazione veloce.


In una padella si fanno soffriggere olio e cipolla, si aggiungono i pomodorini tagliati a metà e si lascia cuocere per 10 minuti, con un pizzico di sale. Si uniscono le triglie, e, nell'ordine, il vino bianco, il peperoncino e la noce moscata in polvere. Quando le triglie sono ben cotte, si condisce con uva passa e finocchietto selvatico.


Ecco, vedere Lampedusa oggi e gustare le triglie, è proprio come avere sul desco un menù da papa.

 

cetta berardo

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento