DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

L'angolo tecnico: gli aggiornamenti energetici del 2015


Giovedý 15, Ottobre 2015
in  Consulenza legale


Il 2015 rappresenta una svolta fondamentale per la progettazione e per la certificazione in materia energetica. Come noto, ormai da alcuni anni, quando si costruisce (o si amplia) un immobile è necessario rispettare alcuni limiti che prescrive la legge sull'isolamento, sulla dotazione impiantistica, sull'utilizzo di energia rinnovabile e del fotovoltaico ed altri dati riguardanti la prestazione energetica ed il consumo di energia da parte dei fabbricati. Inoltre, alla richiesta di agibilità, ai contratti di locazione ed agli atti notarili di compravendita deve essere allegato l'Attestato di Prestazione Energetica.


Da ottobre 2015 sono state modificate tutte le disposizioni di legge finora vigenti: molte di queste modifiche interessano per lo più i progettisti ed i costruttori, ma analizziamo quali sono le immediate ricadute sulla cittadinanza in generale.


Dal punto di vista della progettazione occorrerà fare affidamento non solo ad un valido progettista architettonico, con buon gusto nel disegno, ma occorrerà scegliere fin da subito un buon termotecnico che si confronti continuamente con il progettista architettonico sulle reali possibilità costruttive. Il ruolo del termotecnico sarà, in fase di progettazione, quello di far rispettare le prescrizioni di legge in materia energetica al fabbricato in progetto (prescrizioni energetiche, ora più restrittive rispetto al passato e, dunque, sempre più difficili da soddisfare e più onerose).


Dal punto di vista della certificazione energetica, ora chiamata Attestato di Prestazione Energetica, il fatto più eclatante per la collettività è che sarà più facile per gli addetti ai lavori verificare la reale validità dell'A.P.E.. Infatti al momento della trasmissione alla Regione Piemonte dovrà essere allegato anche il libretto dell'impianto e, quando questo non dovesse esistere o non dovesse essere aggiornato con tutti i rapporti di controllo obbligatori, l'A.P.E. non sarà più valida a partire dall'anno successivo. Occorrerà inoltre redigere un A.P.E. per ciascuna unità immobiliare.


La classe energetica (A-B-C-D-E-F-G) sarà di livello più elevato e verrà valutata sotto il profilo energetico, confrontando il fabbricato oggetto dell'A.P.E con un 'fabbricato tipo' avente i requisiti di legge e dotato di un massimo livello di prestazione energetica.


Ad una prima sommaria vista dell'attestato, dato il nuovo formato poco tecnico, puó apparire che l'A.P.E. sia divenuto meno complesso, ma, in realtà, i calcoli che il tecnico dovrà eseguire per produrre un attestato corretto saranno molto più complessi ed articolati rispetto alla precedente normativa e terranno in considerazione alcuni nuovi parametri come, ad esempio, il raffrescamento estivo e l'illuminazione nel caso di fabbricati non residenziali.


Geom. Davide Galfrè

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)