DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Le regole per le ferie dei dipendenti


Giovedì 12, Dicembre 2013
in  Consulenza legale


Ogni lavoratore ha diritto alle proprie ferie e sovente succede che non vengano usufruiti tutti i giorni a cui un dipendente ha diritto. Molti sono i lettori che ci chiedono delucidazioni in merito e con l'avvicinarsi della fine dell'anno le aziende fanno i conti con il conteggio delle ferie relative all'anno 2013. Vediamo allora in sintesi la normativa e le regole delle tanto agognate ferie dei dipendenti. Innanzitutto vi è da dire che è la stessa Costituzione, all'art. 36, che prevede il diritto non rinunciabile da parte del lavoratore alle ferie, mentre allo stesso modo il Codice Civile e varie leggi disciplinano l'attuazione di questo importante principio costituzionale.


Dal lato del datore di lavoro, questi deve comunicare tempestivamente al dipendente il periodo di ferie, tenendo presente da una parte l'interesse del lavoratore e dall'altra quello dell'impresa. C'è poi una importante legge che prescrive che ogni dipendente ha diritto a usufruire di almeno quattro settimane di ferie l'anno, di cui due settimane consecutive nell'anno di maturazione, anche se poi spesso i contratti collettivi stabiliscono periodi di ferie più lunghi.


Cosa succede allora se un lavoratore gode di meno di quattro settimane nel corso dell'anno? Le perde o le puó recuperare attraverso un pagamento in denaro? Sono questi i dubbi di molti dipendenti...


La legge prescrive che le ferie, se non utilizzate nell'anno di maturazione, devono essere usate nei 18 mesi successivi alla fine dell'anno. Facciamo un esempio: entro il prossimo 31 dicembre un dipendente deve usufruire di almeno 2 settimane consecutive di ferie; dopo, ed entro il 30 giugno 2015, dovrà godere le restanti settimane di ferie non ancora usate.


Ci si chiede spesso se è possibile 'monetizzare' le settimane di ferie non usate. La risposta è negativa: a meno che un dipendente non cessi il rapporto di lavoro, le ferie non possono essere sostituite da una somma di denaro. C'è addirittura una sanzione pecuniaria per il datore di lavoro che non rispetta le norme sopra citate: fino a 600 euro per le aziende che non fanno rispettare il periodo minimo legale di ferie (sanzione che in vari casi e sulla base del numero di lavoratori assunti, puó arrivare fino a 4.500 euro)


dott. Mario Clericuzio

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento