DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

L'importanza del cucinare


Giovedì 18, Settembre 2014
in  Leggere con gusto


Michael Pollan, collaboratore del 'New York Time Magazine' e di 'Harper's Magazine', professore di giornalismo all'università di Berkeley, ci stupisce sempre con i suoi libri, per il contenuto molto franco e controcorrente con cui tratta del cibo.


Nel Dilemma dell'onnivoro del 2009, aveva smontato il pranzo che ci apparecchiamo ogni giorno, dimostrando che cosa in realtà contenga a dispetto delle etichette. Che cosa mangiamo e perché, sono le domande alla base del saggio, in cui in chiave umoristica Pollan legge le biografie del pollo «biologico» riportate sulla confezione e riflette sui milioni di bovini nutriti a mais e antibiotici del Midwest, affrontando un problema di politica alimentare: trovarsi al vertice della catena alimentare- cioè poter mangiare, a differenza delle altre specie, pressoché tutto- offre all'homo sapiens numerosi vantaggi, ma lo espone anche a infinite possibilità di manipolazione. Per condurre una vita meno insana, dunque, l'onnivoro ha bisogno di sapere, sui propri appetiti e sui propri meccanismi adattivi, almeno quanto ne sanno gli strateghi dell'industria alimentare.


Nel suo nuovissimo saggio Cotto, analizza il passaggio dell'alimentazione dal crudo al cotto, un excursus lungo quanto la storia dell'uomo e si sofferma sul significato della parola 'cuoco', che nell'antica Grecia aveva la radice di 'magia'. In ogni piatto, come in un romanzo ben cucinato, si ritrovano un incipit, uno sviluppo e un finale. Gli alimenti necessitano di cuochi che hanno un loro fascino e svelano, partendo dai quattro elementi, acqua, aria, terra, fuoco, affascinanti misteri a chi sa ascoltarli. L'avventura di penna ha portato Pollan molto lontano: a vagare nelle immense fornaci del locale nel North Carolina dove si allestisce un barbecue leggendario in tutti gli Stati Uniti o ad apprendere da un grande fornaio per quali vie sottili e imprevedibili acqua e aria trasformino il grano in pane, oppure ancora a curiosare nei laboratori di quegli autentici domatori di germi e batteri che sono i maestri della fermentazione, formaggiai e birrai. Egli giunge alla conclusione che il cotto è fondamentale e arricchente, in quanto necessita di un luogo, comporta lo stare seduti per mangiare insieme, favorisce la convivialità, la condivisione. Come suo solito ci spiazza e ci dice che c'è un vuoto nel nostro quotidiano cibarci, subito da colmare: l'azione del cucinare, così lontana dai nostri ritmi, dalla nostra impostazione di vita. Allora è bene imparare a cucinare. Questa è la sua filosofia.

 

cetta berardo

 

 

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento