DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Nel cuore della Chiesa


CONSEGNATO IL DOCUMENTO DI APPROVAZIONE DEL MOVIMENTO - Il gran giorno romano del Cenacolo

Giovedì 22, Ottobre 2009
in  Vita Ecclesiale



'Questo non è un punto d'arrivo. E' una ripartenza per tutti noi, chissà dove lo Spirito Santo ci porterà' commenta Madre Elvira più volte durante la quattro giorni del pellegrinaggio a Roma.


In 26 anni di strada la Comunità ne ha veramente percorsa molta e il riconoscimento come 'associazione privata internazionale di fedeli' ne è la testimonianza.


'Oggi inizia una nuova tappa nella storia della Comunità Cenacolo che vi porta ad avere rapporti più stretti con la sede di Pietro... sono certo che nel vostro cammino non vi mancherà mai l'intercessione della Madonna nel generoso servizio che prestate alla Chiesa. Che Dio vi benedica sempre!' conferma indirettamente nel suo discorso il Cardinale Stanilslaw Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici la semplice e cordiale cerimonia ufficiale tenutasi nell'austero Palazzo San Calisto, nel cuore di Trastevere. I quaranta rappresentanti della Comunità sono commossi, suor Elvira per l'emozione si blocca nel discorso ufficiale e spiega con parole semplici che nella sua vita ha capito che l'importante è 'servire' e 'amare, amare, amare'.


E il card. Rylko nel suo saluto, come poi mons. Bona nella messa in San Paolo fuori le mura, riprendono e sottolineano questa affermazione indicandola come stile di vita da seguire.


Venerdì 16 ottobre alla presenza di Mons. Guerrini e di Mons. Bona, i due vescovi che più hanno creduto nel Cenacolo, la Comunità assume così una veste 'internazionale'. In contemporanea almeno 800 fedeli sono 'collegati spiritualmente' nella non lontana chiesa della Divina Misericordia e, migliaia di giovani sono in preghiera nelle decine di 'fraternità' in tutto il mondo.


Il momento culmine del pellegrinaggio è nel pomeriggio di venerdì con la celebrazione eucaristica nella Basilica di San Pietro presieduta del cardinale Angelo Comastri e concelebrata da Mons. Guerrini e Mons. Bona e da vari sacerdoti giunti alla Diocesi e da quelli della Comunità. Il Cardinale ha parole di elogio per madre Elvira, che rendono ancora più solenne e toccante questa messa . Sabato il pellegrinaggio tocca altre tre tappe importanti nella storia del Cattolicesimo, San Paolo Fuori le Mura, con la messa celebrata dal vescovo emerito di Saluzzo, le catacombe di San Callisto e il complesso delle Tre Fontane, luogo del martirio di San Paolo. Domenica nuovamente al Santo Spirito in Sassia, celebre e tanto amata dalla Comunità per ospitare il quadro della Divina Misericordia. Anche il tempo sembra accogliere le preghiere dei cenacolini e la pioggia lascia spazio ad ampi squarci d'azzurro e poi di pieno sole al momento dell'Angelus.


'Non abbiate paura' diceva il 16 ottobre 1978 Karol Wojtyla, tutta la Comunità in queste giornate l'ha ripetuto spesso pensando al suo futuro.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento