DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Novità per il ravvedimento oneroso


Giovedì 19, Marzo 2015
in  Consulenza legale


La legge di stabilità per il 2015 (Legge 190 del 23 dicembre 2014) ha introdotto alcune importanti novità in materia di ravvedimento operoso. Attraverso questo istituto, i contribuenti possono correggere spontaneamente errori ed omissioni, usufruendo di una riduzione delle sanzioni. Fino al 31/12/2014 era possibile accedere al ravvedimento operoso a condizione che la violazione non fosse già stata contestata e che non fossero già iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività di accertamento comunicate formalmente all'autore dell'errore od omissione. Per effetto della Legge di Stabilità tale preclusione è venuta meno a decorrere dal 1° gennaio 2015. Inoltre non è più necessario, come in passato, che la violazione venga sanata entro un anno, o comunque entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa, essendo invece previsto un più ampio termine. Pertanto, per effetto delle suddette novità, sarà possibile sanare eventuali errori od omissioni con le seguenti modalità:


- entro il 14° giorno dalla violazione, pagando una sanzione pari allo 0.2% per ogni giorno di ritardo (solo per omessi versamenti);


- dal 15° al 30° giorno di ritardo, si applica una sanzione fissa del 3%. Anche in questo caso deve trattarsi di violazioni relative al versamento;


- fino a 90 giorni dalla commissione della violazione o dalla presentazione della dichiarazione periodica se prevista, la sanzione è ridotta ad 1/9 del minimo (tale previsione riguarda errori ed omissioni in genere);


- entro un anno dalla violazione o entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa, la sanzione è ridotta ad 1/8 del minimo (errori ed omissioni in genere);


- entro 2 anni dalla violazione o entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo in cui è stata commessa, la sanzione è ridotta ad 1/7 del minimo (errori ed omissioni in genere, ma in questo caso deve trattarsi di tributi gestiti dall'Agenzia delle Entrate, quindi non vi rientrano tributi quali IMU, TASI...);


- oltre il termine di cui al punto precedente, la sanzione è ridotta ad 1/6 del minimo (anche in questo caso deve trattarsi di tributi gestiti dall'Agenzia delle Entrate).


Affinché il ravvedimento sia valido, occorrerà provvedere oltre al versamento del tributo e delle sanzioni, anche al versamento degli interessi nella misura del saggio legale pari all'1% annuo fino al 31/12/2014 e allo 0.5% annuo a decorrere dal 1° gennaio 2015.


A fronte di questo ampliamento dei termini per sanare spontaneamente eventuali errori ed omissioni, la Legge di Stabilità, ha previsto, per gli atti notificati a decorrere dal 2016, l'eliminazione di alcuni istituti deflattivi del contenzioso, quali ad esempio, l'acquiescenza all'accertamento.


Dott.ssa Grazia Previti

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento