DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Parroco in partenza a Villafalletto


Giovedì 14, Giugno 2018
in  Pianura


VILLAFALLETTO- Da metà settembre passaggio di consegne in parrocchia a Villafalletto: don Sergio Daniele, 67 anni, lascia il paese dove era arrivato nel 2010 (dal 2015 l'incarico di parroco era stato esteso anche a Monsola). Don Daniele sarà il nuovo parroco di Sant'Antonio e San Bernardo a Fossano, assistito dal vicario don Godfrey Gwang'ombe, originario della Tanzania (che ha frequentato lo Studentato teologico interdiocesano di Fossano) e da don Danilo Bedino che sarà amministratore della parrocchia frazionale di San Sebastiano.
Al suo posto il vescovo monsignor Piero Delbosco ha chiamato alla guida della comunità villafallettese don Marco Giobergia, classe 1959, che lascia la parrocchia dello Spirito Santo (dove aveva sostituito don Derio Olivero, in seguito alla nomina a vicario generale e poi vescovo a Pinerolo); in precedenza don Marco era stato al Salice con don Musso poi parroco a Maddalene e a San Bernardo; a lungo assistente di Azione cattolica, si è occupato in particolare di Acr (Azione cattolica ragazzi) e della casa estiva di Acceglio. 
Don Sergio, come ha vissuto la notizia della nomina? 
«Mi dispiace molto lasciare questa realtà. Non me l'aspettavo, sono molto legato ai fedeli di Villafalletto, dove sono sempre stato ben accolto. Subentrare a un parroco come don Ezio Bodino, che è rimasto a Villafalletto per 17 anni, non è stato facile, ma ho sempre cercato di ascoltare, osservare e mettermi a fianco della gente e per questo mi sono sempre sentito amato».
Come sono stati questi anni a Villafalletto?
«In un piccolo paese come Villafalletto è più facile creare una famiglia, in città si è più distaccati. Mi sono trovato molto bene anche nella parrocchia di Monsola, nonostante fosse difficile sostituire un parroco amato come don Francesco Daniele che ha guidato la piccola parrocchia della frazione dal 1944 e che per motivi di salute a 98 anni ha dovuto lasciare. I parrocchiani sono stati molto contenti del grande aiuto che ho cercato di dare per la ristrutturazione dell'oratorio».
Con quale stato d'animo affronta il cambiamento?
«Riconosco di aver sempre avuto un buono spirito di adattamento, ho molta fiducia nel Signore e nella volontà di Dio che mi ha portato questa novità, attraverso la voce del vescovo, assieme ai patimenti che questo comporta. É un sì che mi costa molto, ma voglio essere un collaboratore, un aiuto per la Chiesa e per il Vescovo. La storia si costruisce con i sì».
Quali obiettivi ha in mente per le parrocchie che guiderà?
«Mi propongo di osservare ed ascoltare, entreró in 'punta di piedi' cercheró, come ho fatto qui a Villafalletto, di far crescere la fede mettendomi a servizio della gente riconoscendo che dovró essere aiutato e consigliato. Saró sostenuto da don Danilo e don Godfrey, sono sicuro che ci sarà rispetto, collaborazione e naturalmente fraternità sacerdotale».
v. f.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento