DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

Un anno di carta


Giovedý 24, Dicembre 2015
in  Fermo immagine


Il viaggio non è solo questione di distanze e spazi. Non è solamente prendere un mezzo e andare via.


In questo 2015 ho viaggiato poco con i mezzi 'tradizionali' (lavoro escluso), ma molto grazie ad un mezzo fatto di carta.


Con un semplice movimento orizzontale degli occhi, riga per riga, da sinistra verso destra, dall'alto verso il basso, una pagina via l'altra.


Il libro è un viaggio ed è teletrasporto vero.


Ho iniziato l'anno con Shantaram, in India, a Bombay, appassionandomi all'incredibile vita di Lin. Sono poi volato nell'antica Persia, fra le storie di un meccanico di rose con annesse le sue spine. In Ghana per scoprire la bellezza ed il valore delle cose fragili. Mi sono immerso su strade di polvere e conosciuto da vicino una dalia nera. Sono stato su una crociera assurda e sbalzato all'improvviso nella terra di nessuno. Roth mi ha dato schiaffi decisi con le sue pastorali da premio Pulitzer e Fante è stato più volte una piacevole compagnia. Ho provato ad addentrarmi nei complessi sentimenti di Anna Karenina. Mi sono arrischiato nei pensieri di Hitler e nell'amarezza dell'ultimo Primo Levi. Ho provato a vedere il mondo con gli occhi di un marziano. Gli sprazzi di De Luca, l'azzardo di Dostoevskij, gli intrecci di McEwan.


Ho sorriso seguendo il pigro Ignatius e compreso come la vita possa essere l'imprevisto di un gruppo di aspiranti suicidi. Mi sono chiesto più volte se nulla succede per caso.


L'amore in una suite francese, la bugia a fin di bene del Mago di Oz, la resistenza in una sperduta valle del cuneese. Emozioni, le più diverse, timbrate da un numero di pagina.


Ho sentito profumi, scoperto luoghi e modi di vivere, conosciuto personaggi.


Alcuni li ho amati, altri no. Alcuni erano reali, altri meno.


Qualcuno resterà a portata di ricordo, qualcuno passerà senza lasciar traccia.


Su un treno o su una sedia. Sopra ad un letto o su un divano. Alla luce di un abat jour o sotto il sole. A volte con l'occhio pesante e il braccio stanco. Da solo o estraniato in mezzo a tanti.


Nel pensiero di un regalo da fare o alla ricerca dei motivi di un regalo ricevuto.


Compagno vero, presente lungo questo anno che se ne va e che mi porto anche in quello che verrà. Buona lettura a tutti e se proprio non vi va, aspettate che esca il film.


albiabba@libero.it

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)