DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE        Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175.43440

domenica 15 marzo


Giovedì 12, Marzo 2015
in  Il Vangelo della Domenica


Nicodemo è oggi il nome di ciascuno di noi, in camino nella conversione quaresimale. Egli è alla ricerca della luce e ha intuito che solo il Mastro di Nazaret puó donargliela. E ci porta da lui. Rimane a parlare con Gesù, ad ascoltarlo soprattutto, anche se non ci è detto se comprende. Sappiamo peró che sicuramente lo seguirà fino al calvario dove, con coraggio, insieme a Giuseppe di Arimatea, gli darà almeno una degna sepoltura.


Nel brano di oggi abbiamo la frase che sta al centro di tutto il vangelo di Giovanni: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito», rivelazione che squarcia il cuore di stupore immenso. Dunque, tra Dio e me, tra Dio e il mondo non c'è distanza; c'è un punto di contatto: l'amore. Lì il cielo entra in me e io entro nel cielo. Sono verbi al passato: 'Dio ha amato', 'la luce è venuta'. Vuol dire che Dio è già qui, e ha impregnato si se stesso il mondo e me. 'Ha tanto amato da dare suo Figlio': Dio ha considerato noi, me, il mondo, più importanti di se stesso. Dio è qui ora: non è una verità bellissima dalla quale lasciarsi avvolgere come un profondo abbraccio? Dio è con me, con amore: non sono parole da ripetere ad ogni risveglio, ad ogni difficoltà o debolezza? Noi non siamo cristiani perché amiamo Dio, ma perché crediamo che Dio ci ama!


Scriveva Maritain: 'Abbiamo bisogno di molto amore per vivere bene'. È per questo che il Dio che per amore ha donato suo Figlio, chiede a noi l'amore. Alla domanda: 'in che cosa credi?', il vangelo di oggi ci suggerisce: 'io credo all'amore'! Se non c'è amore nessuna cattedra né pulpito potrà mai dire Dio. Perché senza amore non c'è contatto, non c'è ponte. Ma pure senza amore nessuna vita umana potrà mai coniugarsi con senso.


«Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui». A Dio non interessa istituire tribunali e processi, per condannare o assolvere: Cristo è venuto a portare non una sentenza, ma una 'grazia' (dono gratis). A chi accoglie questo dono è dato di fare la verità, di diventare giardino fiorito di tenerezza, di perdoni, di lacrime dolci, di abbracci d'amore.


Forse è meno difficile sforzarsi in 'gesti di carità', illudendosi di amare, che 'credere' di essere amati e lasciare che l'amore di Dio sia la terra su cui posiamo i piedi, il cielo che ci copre, l'ossigeno che riempie i polmoni del quotidiano.


Qui sta la ragione profonda dei pensieri e degli atteggiamenti cristiani, passi lieti e coraggiosi di conversione quaresimale.


Buona domenica.

CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva – CF – Reg. Imprese CN 03733570042

Direttore Responsabile: FRANCESCONI LORENZO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© CDS EDITORIALE SRL - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
Il Corriere di Saluzzo percepisce i contributi pubblici all’editoria.
Il Corriere di Saluzzo ha aderito tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) allo IAP - Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.


powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento