DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE     Via Parrà, 9 - 12037 Saluzzo (CN) - Tel. 0175.42556 - Fax. 0175490348

Preg.mo sig. Direttore,
venerdì dopo aver letto l'articolo in 5¬ pagina 'Città e uomo triste', ho subito pensato che gente 'con la facia 'd tóla' in giro ce né ancora molta. L'ex assessore regionale Alberto Cirio, che ho la fortuna di non conoscere, accusa la città di Saluzzo di essere triste come il suo Sindaco Paolo Allemano. Evidentemente alla 'Saluzzo triste' gli uomini 'tristi' piacciono, visto che il Dott. Allemano è stato eletto per due legislature, vale a dire il massimo. L'ex assessore Cirio accusa poi il Sindaco e la sua Giunta di essere i responsabili dell'eliminazione della ferrovia, del tribunale e del ridimensionamento dell'Ospedale. Allora pongo all'assessore Cirio una domanda: ma tutte queste defezioni, non erano (sono) competenze della giunta regionale di cui l'ex assessore Cirio faceva parte e della quale conosciamo tutti come sia finita....? E allora, chi è stato a operare tagli indiscriminati come quelli che sono stati fatti? Soprattutto l'Ospedale, che prima era un'eccellenza e adesso non si sa più cosa sia, chi è stato a ridurlo così con la conseguenza di gettare nel caos altri Ospedali viciniori, ora oberati di richieste che non riescono a smaltire se non in tempi lunghissimi? In quanto alla 'Saluzzo triste', da 'forestiero' dico che Saluzzo non è mai stata così bella com'è adesso; finalmente quando si è in centro si respira, con un'isola pedonale straordinaria che è un salotto e che permette a intere famiglie con prole di poter girare tranquillamente senza pericoli di sorta. Prima, quando era più 'allegra', a Saluzzo non potevi girare, con le automobili parcheggiate ovunque e col pericolo costante di essere investito. In conclusione: dove ha operato la Giunta Comunale col suo 'Sindaco triste', le cose sono notevolmente migliorate, mentre dove ha operato la giunta regionale, per Saluzzo è stato un disastro!

Piero Strobino- Cardé


Giovedý 15, Maggio 2014
Egregio Direttore,
un'esperienza entusiasmante! Tale è stato il gemellaggio musicale con gli studenti dello Schyllergymnasium di Heidenheim, vicino Stoccarda. I giorni 29 e 30 aprile abbiamo accolto a Saluzzo 55 ragazzi e 3 professori che a loro volta avevano ospitato un anno fa le nostre classi seconda e terza ad indirizzo musicale della Scuola Media Rosa Bianca. Il 29 mattina un saluto 'ufficiale' da parte di tutta la scuola. Nel pomeriggio visita alla Fabbrica di Arpe Salvi, accompagnati dal Prof. Selvaggi. Alle 18.30 rinfresco offerto dalla scuola per tutti i musicisti ed i professori per familiarizzare, cercando di abbattere la timidezza alimentata dalla diversità della lingua. I ragazzi più intraprendenti hanno rotto il ghiaccio snocciolando qualche frase in inglese. Alle 21 il concerto: emozionante! Grazie alla competenza storico-artistica del professor Palmero mercoledì i tedeschi hanno effettuato una visita guidata di Saluzzo. Alle 20 si sono ritrovati in palestra con i nostri ragazzi per una ricca cena-buffet offerta dai genitori delle classi musicali e da commercianti che gentilmente hanno collaborato. Tra un piatto di lasagne al forno ed uno di flan alle verdure con fonduta, si sono allacciate amicizie, si sono scambiati indirizzi e promesse, si sono confrontati metodi di studio e programmi supportati dalla professoressa Helga Niederwald, nativa di Heidenheim, che con grande professionalità e gentilezza ha svolto il compito di interprete. Tutto è trascorso come preventivato con grande soddisfazione. E' nostro dovere e piacere ringraziare i commercianti che hanno collaborato alla riuscita dell'evento: Pasticceria Testa-Saluzzo, Bar Tiffany-Saluzzo, Panetteria Perotto-Saluzzo, Panetteria del Marchesato-Saluzzo, Il Mastro Fornaio-Saluzzo, Pasticceria Chiapello Delsoglio-Saluzzo, Pasticceria Dolce Forno-Saluzzo, Pasticceria Millevoglie-Saluzzo, Acqua Eva-Paesana, Graph Art-Manta, Il Florilegio-Saluzzo, Carrefour market-Saluzzo. ML ha offerto dei vini ai professori come ricordo dell'Italia. Ringraziamo inoltre la Gastronomia MB di Piasco e Pasta Fresca da Giovanni di Saluzzo che hanno fornito l'ottima cena. Un grazie di cuore a tutti i professori in particolare Gallarate, Rossi, Mana, Lerda, Procchietto e Delpiano coadiuvati dalla vice-preside Testa che hanno permesso che i nostri figli vivessero un'esperienza formativa. Grazie ai genitori che hanno collaborato fattivamente nel preparare l'allestimento della cena-buffet che ha offerto uno spaccato dell'insuperabile cucina piemontese e italiana. E grazie ai nostri cari ragazzi che hanno dedicato ore a provare con i loro strumenti i pezzi presentati al concerto, dimostrandosi pienamente all'altezza dei compagni tedeschi.

I genitori delle classi I, II, III A della Media Rosa Bianca ad indirizzo musicale


Giovedý 8, Maggio 2014
Abbiamo ancora gli occhi pieni di meraviglia e di gioia per la grande celebrazione sulla sterminato piazzale di san Pietro durante la quale papa Francesco ha dichiarato santi due Papi:
Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II... Due papi che ci hanno accompagnati in questi anni, due Papi così diversi per formazione e per indole, due papi che mi hanno accompagnato nei miei ultimi anni di seminario e negli ormai cinquanta anni di sacerdozio... Al Papa Roncalli sono debitore della dispensa che mi ha concesso particolare per essere ordinato sacerdote a ventidue anni (mancavano due mesi ai ventitre prescritti) ed ho avuto occasione in una visita in Vaticano di ringraziarlo personalmente. La sua elezione ha portato davvero una ventata nuova nella chiesa e l'intuizione del Concilio è stata una autentica rivoluzione nella chiesa, fino ad allora ingessata nella prescrizioni della lingua latina e di una passiva partecipazione alla liturgia e alla vita ecclesiale.
Il Concilio è stato poi una esplosione di novità, di aria più respirabile, di apertura e di appropriazione da parte della gente della parola di Dio, di una liturgia non più ingessata in riti incomprensibili, di Parola messa in mano ai fedeli, di aperture verso tutti... Un vero ed autentico dono di Dio per il suo popolo.
Dopo Giovanni XXIII viene eletto Paolo VI, anche lui un grande Papa vissuto in un periodo estremamente difficile per la società e la chiesa soprattutto in Italia: tempo del terrorismo, di tensioni enormi. Dal papa Giovanni sorridente e poetico si passa al Papa quasi piegato sotto il peso delle sue responsabilità, ma sempre lucido e fermo. Tempo del terrorismo che ha il culmine della cattura ed uccisione di Aldo Moro. Montini un santo anche lui... anche se non elevato agli onori degli altari..
E venne il Papa polacco che prese i nomi dei suoi predecessori Giovanni Paolo e che attiró immediatamente la simpatia della gente, con il suo fare accattivante, con la sua verve, il suo italiano un poco approssimativo... Finalmente un papa non italiano che rompeva un poco il monopolio del pontificato da parte degli italiani. Una ventata di universalità e di novità. Un Papa dall'approccio facile con tutti, capace di attirare giovani e meno giovani, un grande devoto della Madonna. Un papa che subisce anche l'attentato e che si salva quasi miracolosamente. Un Papa acclamato ed anche da alcuni criticato. Un papa che negli ultimi tempi ha faticato non poco nel suo alto incarico.... con l'aumento dei problemi e della malattia...
Papa Francesco ha dichiarati ambedue santi senza la lungaggine di processi canonici e di lunghe attese.
Sappiamo che vi sono state anche divergenze e pareri diversi su questo regalo di papa Francesco. Personalmente, pur nella gioia di questi nuovi santi, continuo a sentire in cuore una certa difficoltà. Mi aspettavo da Papa Francesco il dono della dichiarazione di altri santi, che in questi ultimi tempi hanno lasciato tracce luminose nella vita della chiesa e della società. Penso a dom Helder Camara, questo indomito difensore dei poveri e della liberazione degli oppressi, penso a Monsignor Romero che ha pagato con la vita la sua difesa degli ultimi, a don Puglisi e a tanti altri preti e laici che hanno pagato con la vita la lotta contro la mafia e alla corruzione. E l'elenco potrebbe allungarsi....
Tempi brevissimi per i due papi e tempi , speriamo non lunghissimi, per questi altri testimoni in cui si possono identificare, più che nei Papi, i tanti autentici santi con cui condividiamo la gioia e le fatiche della fede? Ci auguriamo che presto il santorale si arricchisca di santi che escano un pochino dai soliti schemi e che diventino stimolo ed esempio per i cristiani e non di oggi e di domani.

Luciano Marco


Giovedý 8, Maggio 2014


Le Rubriche tematiche
Acchiappamostre
La mostra della settimana
Arte & Fede
Commercio Equo & Solidale
Shopping etico a prezzi di saldo
Consulenza legale
La rottamazione delle cartelle Equitalia
Cucina Piemontese
Il semolino dolce
Fermo immagine
Dare un nome
I ragazzi leggono
La compagnia dei soli
Il Vangelo della Domenica
Domenica 19 novembre
La Memoria del Cuore
'Salvarsi' con una fiaba
Leggere con gusto
Elogio della galletta
Libera-Mente
Trauma psicologico, E. M. D. R. e... Ungaretti
Stella Stellina
Lo spazio esterno
Vola al Cinema
da giovedì 27 aprile a martedì 2 maggio



CorrierediSaluzzo.it è una testata giornalistica.
P.Iva - Cf. - Reg. Imprese CN n. 01893690048
Rea n. CN-142932
Direttore Responsabile: Mario BANCHIO
email: redazione@corrieredisaluzzo.it

Contatta la redazione

© SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Tutti i diritti riservati - Note legali - Area riservata -   Esci
powered by Leonardo Web s.r.l. - MANTA (CN)