Al supermarket olimpico

Tre al prezzo di una? No, meglio solo due! Al supermarket delle olimpiadi è promossa la candidatura lombardo-veneta per concorrere ad ospitare i Giochi invernali del 2026. Il Piemonte ha già avuto il suo nel 2006. Bocciato. Milano e Cortina, la strana coppia, hanno avuto il via libera del Coni. Quando il massimo organismo sportivo italiano doveva decidere fra tre candidature (Torino e appunto Milano o Cortina) si rifugiò nell’inciucio promuovendo un’unica candidatura a tre punte. Troppe le forze in campo da scontentare in caso di scelta e probabilmente molte le pressioni per non decidere. Economiche, turistiche e non da meno politiche.
Quando l’incontro a tre si è rilevato un’inutile ricerca di azioni condivise si è demandata la decisione al governo che ha chiuso la borsa e mandato tutti a casa. Ma sul filo di lana è arrivato l’inciucio dell’inciucio: “two is megl’ che one!”, come diceva bene una famosa pubblicità. Torino ha alzato la cresta? Bene, Milano e Cortina potranno presentare la loro candidatura congiunta al termine di mesi di squallide ripicche.
In pieno stile olimpico verrebbe da commentare. Lo spirito sportivo che vince ogni divisione, supera ogni ostacolo è stato messo in cantina. Lo spirito che ha unito le due Coree sotto la stessa bandiera agli ultimi Giochi invernali di Pyeongchang, che in passato ha superato crisi internazionali, vinto la paura del terrorismo, aperto strade per vincere il doping, non ha messo d’accordo tre città. O meglio, non ha superato gli interessi che stanno dietro ad un evento di questo tipo.
Affermare che la candidatura di Torino fosse la migliore non è un azzardo. Anche solo per il fatto che la maggior parte degli impianti erano pronti, bisognosi solo di qualche ritocco. Ma in tempi di divisioni non c’è spazio per accontentare un unico candidato. Avanti quindi col supermarket:  “two is megl’ che one!”.
lorenzo francesconi

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.