Presidente Auxilium e titolare del negozio di piazza Risorgimento

Lutto per il panettiere Garzino

Saluzzo

Si è spento, nei giorni scorsi, nella sua abitazione di via Spielberg, Giovanni Garzino, 96 anni, figura molto conosciuta e stimata in città. Garzino, fino al 1981, aveva gestito con i famigliari la panetteria in piazza Risorgimento sull’angolo con via Deportati Ebrei, dove aveva iniziato a lavorare da giovane con i genitori, dopo due anni di scuola superiore. 
Era stato fra i principali esponenti della sezione saluzzese del Partito Liberale Italiano. Faceva parte dell’assemblea dei soci della Fondazione Cassa di risparmio di Saluzzo ed era stato attivo nella Bocciofila “Auxilium”, dove aveva ricoperto la carica di presidente dal 2003 al 2006 ed attualmente ne era presidente onorario. 
Impossibile non ricordare la sua grande passione per la Juventus, squadra che ha seguito allo stadio di Torino finché la salute glielo ha permesso. 
Ma Giovanni Garzino, insieme alla sorella Gina, deceduta nel 2002, si era sempre speso per ricordare la figura del fratello Mario che, giovanissimo, dopo essersi arruolato nella 181ª Brigata “Garibaldi”, era stato catturato dai fascisti ed avviato nel lager nazista di Mauthausen, dove aveva trovato la morte nelle camere a gas il 23 aprile 1945 all’età di 17 anni. 
La famiglia Garzino, nel 1973, ricevette una medaglia di bronzo al Valor Civile alla memoria, consegnata dall’allora presidente della Camera dei Deputati, Sandro Pertini. 
I funerali di Giovanni Garzino, che lascia la moglie Antonia Quaranta, si sono svolti nella mattinata di martedì 5 novembre in Duomo e le sue spoglie sono state tumulate nella tomba di famiglia nel cimitero cittadino.
gianni neberti

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.