: Ballerine saluzzesi raccontano come hanno affrontato il lockdown

La danza in quarantena

Le esibizioni dal vivo rimangono sospese, ma la danza non si ferma. «Anche se in questo momento la danza potrebbe sembrare superflua, è pur sempre una valvola di sfogo fisica e mentale». Così le ballerine Desiré Demaria di Busca e Federica Giusto di Verzuolo raccontano come hanno affrontato il lockdown. Un’esperienza senza precedenti che ha avuto le ripercussioni più forti proprio in campo artistico. Ma il settore reagisce con iniziative pubblicate sui canali della comunicazione sociale che hanno dato molta visibilità anche alle artiste saluzzesi. Anche se mancano il contatto con il pubblico, l'adrenalina da palcoscenico, il teatro.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.