Saluzzo: Restano ancora aperte le questioni braccianti e i prezzi bassi ai produttori della frutta

Stagionali, urgono soluzioni

“Serve ancora una figura di raccordo tra gli aspetti sanitari, di sicurezza e logistico-organizzativi per affrontare efficacemente il tema delle persone senza fissa dimora che nel saluzzese interseca quello degli stagionali agricoli”: lo scrive il sindaco, Mauro Calderoni quando ormai la campagna di raccolta della frutta è al via e ancora mancano strutture per l’accoglienza di braccianti - soprattutto africani - che non hanno un alloggio nelle circa settemila aziende agricole del territorio frutticolo all’ombra del Monviso che comprende 34 comuni. In passato solo quattro comuni si erano fatti carico dell’ospitalità di stagionali, ma ora, per evidenti motivi di salute pubblica dovuti dalla pandemia Covid-19, non possono più provvedere con strutture da più posti letto.
Ampi servizi sul Corriere in edicola giovedì 4 giugno.

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.