:

Stiamo ancora attenti

Appesa allo specchietto retrovisore dell’auto, oppure ad un orecchio o a un bottone della camicia, nascosta nella borsetta o in tasca, infilata del braccio possibilmente all’altezza del gomito, girata in testa sui capelli, portata come un borsello …. Insomma tenuta in mille modi tranne che come dev’essere indossata.
La mascherina, questa sconosciuta. 
Non è obbligatorio indossarla però il consiglio di farlo il più possibile perché, ricordiamolo, l’epidemia non è finita e ogni giorno – ogni giorno è bene ricordarlo – ci sono contagiati e purtroppo morti.
Lo abbiamo già scritto: non c’è il” liberi tutti, ce l’abbiamo fatta, il Covid-19 è solo un brutto ricordo”.
Magari.
Tutti gli accorgimenti sono ancora validi: il distanziamento fisico, il lavarsi soventemente le mani, e appunto l’indossare la mascherina soprattutto quando si è al chiuso, ma sarebbe bene tenerla anche all’aperto se siamo in compagnia.
Certamente quando consumiamo al bar o al ristorante la toglieremo, viceversa è da tenere sul volto così come è bene farlo mentre ci troviamo in gruppo con gli altri. 
E purtroppo molto spesso non è così: siamo disinvolti e sicuri, come se ci sentissimo immuni.
Basta osservare i comportamenti di una sera qualsiasi e constatare come, purtroppo, le precauzioni siano ormai un ricordo.
Certo, c’è voglia di dimenticare, di tornare alla normalità, desideri ampiamente condivisibili ma dobbiamo essere necessariamente vigili e rispettosi: se proprio non vogliamo farlo per noi, almeno facciamolo per gli altri.
Alberto Gedda
 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.