Oncino: Era accusato di illecito edilizio per una strada verso i pascoli

Il fatto non sussiste: margaro assolto

Il lungo contenzioso tra il Comune di Oncino ed un margaro ha segnato una tappa fondamentale con la sentenza in data 9 luglio del Tribunale di Cuneo, relativa ad un presunto abuso edilizio su una strada che porta ai pascoli.
Il progettista e direttore dei lavori ed il margaro sono stati assolti perché il fatto non sussiste. Il professionista era accusato di falso ideologico in asseverazione nella pratica edilizia e paesaggistica. Progettista e margaro erano imputati per illecito edilizio e paesaggistico per la costruzione di una nuova strada senza permesso di costruire. Erano inoltre imputati per deturpamento delle bellezze naturali.
La sentenza del Tribunale li ha scagionati perché il fatto non sussiste, ritenendo che il fatto sia stato commesso dall’escavatorista, la cui posizione è stata stralciata prima del processo, avendo la procura imputato i suoi datori di lavoro, i quali avevano patteggiato la pena prima che iniziasse il processo.
In data 8 luglio il Tar del Piemonte aveva invece respinto la richiesta di sospensiva presentata dal margaro contro il Comune di Oncino e l’Unione Montana in relazione ad alcune determine adottate da codesti Enti.

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.