Saluzzo: Confronto su Facebook con la Fondazione Somaschi

Abité: formazione online per il cohousing della Caritas

SALUZZO Un incontro online per parlare di convivenza e di accoglienza. Domenica 29 novembre alle 17:30, sulla pagina Facebook del progetto “Abité”, si terrà un’occasione di confronto in cui saranno coinvolti anche tre rappresentanti della Fondazione Somaschi, onlus di Milano impegnata nell’assistenza abitativa di persone vulnerabili.
“Abité” è il progetto guidato da Caritas Saluzzo, insieme alle associazioni “Pro tetto Migranti” di Cavallermaggiore e “Il campo” di Alba. Il suo obiettivo è creare la prima rete di housing sociali del territorio cuneese, offrendo momenti di formazione, confronto, eventi e laboratori che avvicinino i giovani al tema del cohousing, un modello abitativo che mescola autonomia e condivisione di spazi comuni per diversi nuclei familiari o individui.
Domenica i giovani coinvolti nel progetto incontreranno Carlo Alberto, Francesca e Tobia. Tutti e tre sono legati al progetto di cohousing portato avanti dalla Fondazione Somaschi a Narzole, in provincia di Cuneo. «Ci siamo avvicinati a loro perché cercavamo un modo di fare formazione con una realtà grande ma che avesse anche un legame con il territorio», dichiara Martina Fea, 23enne di Scarnafigi incaricata della comunicazione per il progetto. «La realtà che sta nascendo a Narzole ha circa un anno, ma la Fondazione opera da tempo in tutto il nord Italia con progetti simili».
Dopo i primi incontri in estate, il progetto ha dovuto interrompere molte delle attività organizzate in seguito al secondo lockdown. Tuttavia, questo evento di formazione è solo il primo di una serie che verrà organizzata nei mesi invernali.
«L’incontro sarà trasmesso in diretta su Facebook – specifica Fea – tramite la piattaforma di videochiamate Zoom. In questo modo sarà semplice, per chi sia interessato, accedere ed interagire direttamente con ospiti ed organizzatori».