Saluzzo: Calderoni: «Uniti e solidali nella lotta al virus»

Libertà in pandemia

Libertà di espressione e di confronto anche nel momento delicato che stiamo attraversando, segnato dalla pandemia da Covid-19. Questo l’accorato appello rivolto dal sindaco Mauro Calderoni nel corso dell’orazione ufficiale in occasione del 25 aprile. 
Una celebrazione che per il secondo anno consecutivo si è svolta in forma ridotta, senza la partecipazione del pubblico a causa delle norme per il contenimento dei contagi.
 L’amministrazione comunale sceglie così di celebrare la festa della Liberazione con un video preregistrato, caricato sul profilo Facebook del Comune di Saluzzo nella mattinata del 25 aprile. 
«Pochi seppero dire no alla dittatura e alla violenza – dice il primo cittadino – in un contesto storico e culturale estremamente complesso che mal tollerava il pensiero critico, il diverso, l’alternativa e addirittura il semplice confronto. 
Coloro che si opposero, con il loro coraggio riscattarono la dignità di un intero paese. La pandemia minaccia le conquiste di quegli anni. 
Nel contesto politico riemergono proposte nazionaliste dal vago sapore autoritario. Saluzzo ha saputo rispondere con una comunità coesa: dobbiamo sempre sentirci uniti e solidali nella lotta contro il virus. Il mio augurio è che si spalanchi un futuro di Libertà nella più sincera cooperazione delle forze nazionali». 
 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.