Envie: La struttura è sempre rimasta "covid-free"

Riprese le visite agli ospiti

Anche per gli ospiti della Residenza Cesare Buzzi sono riprese le visite a cura dei loro parenti. Come per altre strutture non si parla di un’apertura incondizionata, ma di un ritorno graduale alla normalità nel rispetto dei rigorosi protocolli dettati dalla normativa vigente in tema di prevenzione sanitaria, anche se la RA è sempre stata “covid free” come sottolinea con orgoglio e soddisfazione la direttrice Valeria Ferrero, grazie all’importate opera di prevenzione perpetrata sistematicamente sin dall’inizio della pandemia.
L’anniversario annuale della chiusura alle visite e ai contatti con gli ospiti (23 febbraio 2021) è ormai fortunatamente alle spalle, nel frattempo era stata anche attivata la stanza degli abbracci e ora finalmente si ritorna gradualmente alle visite tanto agognate sia dagli ospiti sia dai loro parenti.
Esse possono avvenire con cadenza settimanale e programmata con la possibilità di sfruttare, tempo permettendo, l’ampio parco esterno della residenza che consente di rispettare gli opportuni distanziamenti. Prossimamente le visite potranno anche avvenire senza distanziamento se i visitatori sono in possesso dei seguenti requisiti alternativi: vaccino anti Covid-19 eseguito nelle dosi previste, esito negativo del tampone antigenico, attestazione dell’immunità riveniente dall’aver contratto il virus (certificazione verde Covid-19 di avvenuta guarigione).
Naturalmente saranno sempre privilegiate le visite in spazi esterni che consentono maggior sicurezza e offrono anche un più ampio respiro a tutti: ospiti e visitatori.

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.