I ragazzi leggono di Mara Dompè

La fisica degli abbracci

Ci sono diversi tipi di intelligenza: c’è chi come Guglielmo Malavasi, detto Will, è dotato di un quoziente intellettivo più alto di quello di Einstein, tanto che a undici anni si è laureato a Cambridge; e c’è chi come Dora, una cinquantenne rumena che lavora come badante, ha un’intelligenza emotiva che le permette di leggere le persone e di capire al volo le situazioni. È solo per caso che, nel romanzo della scrittrice torinese Anna Vivarelli, queste due persone sole, un ragazzo iperdotato, fragile, problematico e una donna forte, semplice, comunicativa, si incontrano e intrecciano per un tratto le loro vite. La prodigiosa genialità di Will, unita alla sua storia segnata dall’anaffettività, lo isola e gli rende difficile tutto ciò che per quasi tutti è normale: godersi il calore di una casa, il piacere di dividere un pasto o di passeggiare insieme. In questo Dora è molto più brava di lui e riuscirà a fargli apprezzare, almeno per un po’, la bellezza delle piccole cose. La loro vicinanza aiuterà entrambi a curare ferite del passato e del presente e a guardare con fiducia e speranza al futuro. Un romanzo delicato e ottimamente costruito che racconta un’amicizia speciale, la forza dell’empatia e i molti modi di essere e di sentire. Dai quattordici anni.

Anna Vivarelli La fisica degli abbracci
Uovonero 14 euro

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.