Villafalletto: Sarà il trentatreenne Fabio Rosso a sostituirla

Il vicesindaco Roberta Sola si dimette

Nella seduta del consiglio comunale del 20 di ottobre il sindaco Sarcinelli ha reso noto alcuni cambiamenti nella giunta comunale. A seguito delle dimissioni dell’assessore Laura Rosso, lo scorso mese, anche la trentaquattrenne Roberta Sola, lascia il ruolo di vicesindaco e di assessore mantenendo la carica di consigliere. «Dopo oltre due anni di attività sono costretta a rimettere le deleghe e l’incarico di vicesindaco. Ho meditato a lungo prima di prendere questa decisione – ha spiegato Roberta Sola – a volte ci sono impegni familiari e cambiamenti nella vita personale che ti portano a fare delle scelte, per me è stato così, purtroppo l’impegno è troppo complesso per consentirmi di svolgere adeguatamente gli incarichi ricevuti. Lascio il posto a chi ha le competenze e il tempo necessario per ricoprire il ruolo nel migliore dei modi. Ringrazio per la collaborazione e il sostegno ricevuto dal sindaco, dai miei compagni e da tutti gli elettori per la fiducia. Rimarrò nel consiglio comunale perché ho molto ancora da imparare e perché vorrei dare un apporto comunque in qualche modo al paese. Mi dispiace moltissimo, ma ad un certo punto bisogna essere razionali e funzionali».
Sarà Fabio Rosso, classe 1988 imprenditore nell’ambito sanitario, a succedere come vicesindaco con le deleghe alla biblioteca, alla casa, alla famiglia, ai grandi eventi, alle politiche sociali e giovanili, alla salute, allo sport, al tempo libero e al turismo. «A seguito delle dimissioni di Roberta Sola, ho ricevuto il mandato di vicesindaco. Le deleghe assegnatemi, scelte dal primo cittadino sulla base della tabella redatta dal ministero dell’interno, sono fondamentalmente legate alle mie competenze e passioni. Sono deleghe intrise di problematiche anche perché legate al periodo storico che tutti noi stiamo attraversando. – ha detto il neo vicesindaco - Sicuramente faccio parte di una squadra, coesa e fiduciosa nel futuro, di cui avrò bisogno per confrontarmi e trovare le migliori soluzioni; anche con il mio predecessore che, farà parte del consiglio comunale, saprà affiancarmi in un primo momento in modo da non perdere la continuità del lavoro per il mandato dei nostri concittadini.»
Durante la seduta del consiglio comunale le novità non sono piaciute al capogruppo di opposizione Oreste Uberto che ha commentato: «Prendiamo atto che l’amministrazione Sarcinelli dimostra una “non continuità” sia nel caso dell’amministrazione precedente che nel caso dell’assessore Laura Rosso, non siamo sicuri che le sue dimissioni siano dovute unicamente a motivi familiari. Invitiamo il sindaco a riflettere». Il sindaco Sarcinelli di tutt’altro avviso ha ribadito: «Sono polemiche sterili che non corrispondono al vero: quando un consigliere o un assessore lascia dicendo chiaramente che i motivi sono familiari o di lavoro perché non riesce a organizzare la vita privata io non vedo nulla di trascendentale nella motivazione, è comprensibile che con il trascorrere del tempo gli impegni personali e lavorativi cambino, amministrare un piccolo paese è molto impegnativo e non adeguatamente retribuito».

 

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.