Brossasco: Intervento del Movimento “Stop Animal Crimes Italia”

Asini con le scarpe!

In seguito a più segnalazioni di cittadini, esperti del Movimento “Stop Animal Crimes Italia” si sono recati a Brossasco dove, in una piccolissima stalla, erano detenuti due asinelli uno dei quali con gli zoccoli ridotti a vere e proprie scarpe talmente lunghi. Altri animali erano detenuti chiusi all’interno di una stanza. Richiesto l’intervento dei Carabinieri Forestali, i militari procedevano in seguito a eseguire sopralluogo con la ASL veterinaria, i cui dottori avrebbero proceduto a impartire prescrizioni sulla messa a norma degli animali, non a sequestrarli e a denunciare il proprietario per il reato di maltrattamento; zoccoli lunghi come scarpe è conseguenza inconfutabile di una detenzione non idonea ossia impossibilità di movimento e totale incuria senza attenuanti.
“Stop Animal Crimes Italia”, insoddisfatta dunque dell’esito del controllo, depositerà idonea querela contro il proprietario degli animali per il delitto di maltrattamento animale chiedendo alla Magistratura il sequestro degli animali. Centinaia di controlli eseguiti da oltre 10 anni in tutta Italia ci hanno convinto della necessità di riformare il settore dei controlli veterinari e di una visione meno arcaica da parte della Magistratura circa il quadro normativo della tutela animale.
I veterinari delle Aziende Veterinarie, infatti, adottano troppo spesso lo strumento della prescrizione ma raramente accertano il reato di maltrattamento, lasciando dunque gli animali nella disponibilità del proprietario, che se la cava quasi sempre con una sanzione amministrativa, quando va bene.