Saluzzo: I costi delle rette oscillano tra i 1.500 e i 3.500 euro, ma a detta degli amministratori, non sarebbero sufficienti a coprire i costi del servizio

Assistenza anziani in crisi: il Tapparelli resiste

Tra gli effetti della crisi ucraina, l’aumento spropositato dei costi energetici è senza dubbio il più grave.
Ad ammetterlo è anche il presidente della Residenza Tapparelli, Roberto Bertola affermando che ad aprile è già stato esaurito il budget annuale. E mostra la bolletta del riscaldamento: 16.472 euro quella di gennaio 2021, a fronte dei 54.179 euro pagati a gennaio di quest’anno. In termini percentuali significa un aumento del 160%: «l’annata termica 2020/21 si era conclusa con una spesa di circa 70 mila euro, l’annata non ancora conclusa presenta già un conto di 186 mila euro - puntualizza il direttore Massimo Perrone -. Sul fronte dell’energia elettrica l’aumento si aggira intorno al 75-80%. E non finisce qui, perché subiamo anche gli incrementi indiretti: il riscaldamento e la luce colpiscono anche i nostri fornitori, andando a incidere sui prezzi delle derrate alimentari che noi acquistiamo per la refezione degli ospiti». 
Aumenti non prevedibili, almeno non in queste proporzioni che assestano un duro colpo anche al bilancio da 6 milioni di euro del Tapparelli che ha chiuso il 2021 con un disavanzo di 200 mila euro (3%) che verrà ammortizzato nel prossimo triennio. Vero è che l’attuale situazione di crisi economica non può durare a lungo, altrimenti rischia di compromettere anche i bilanci più solidi.

Il servizio completo in edicola sul Corriere di Saluzzo.