Saluzzo: La linea saluzzese cancellata nel 2020 non è inserita tra quelle in riapertura: la Casale-Mortara e la Asti-Alba

Sparisce dai radar la Saluzzo Savigliano?

“Ci chiediamo perché Alba-Asti Sì, Cuneo-Saluzzo-Savigliano No? Ed il raddoppio della Cuneo-Fossano?”. Parte da questo interrogativo lo sfogo del gruppo centrista “Monviso in movimento” capeggiato da Milva Rinaudo e Alberto Valmaggia (ne fa parte anche il saluzzese Franco Demaria) dopo l’annuncio da parte della Regione del nuovo contratto di servizio ferroviario regionale che sarà sottoscritto con Trenitalia nelle prossime settimane. 
Inizia finalmente una nuova stagione per le linee sospese nel 2012, anche se è completamente sparita la Saluzzo-Savigliano. Saranno infatti due le linee che vedranno la riapertura nel settembre 2023: la Casale-Mortara e la Asti-Alba, con 66 chilometri di binari riattivati. 
Il servizio prevede la percorrenza di oltre 200 mila chilometri/treno all’anno. La prossima linea pronta all’attivazione è la Novara-Varallo, grazie ai fondi europei e con tempistiche in via di definizione. 
Da settembre 2022, saranno inoltre introdotti quattro nuovi treni diretti Biella-Torino dal lunedì al venerdì e due treni Asti-Milano dal lunedì al venerdì, che consentono un collegamento più rapido per i lavoratori che ogni giorno raggiungono il capoluogo lombardo dal Basso Piemonte. 

La notizia completa in edicola sul Corriere di Saluzzo.