Bagnolo: Ma la popolazione è comunque in lieve crescita

Quasi tre morti per ogni nato

Lo scorso anno ci fu un’inversione di tendenza dopo otto anni consecutivi di flessione demografica, sebbene con un modesto +2. Più consistente, ancorchè non sensazionale, è l’aumento registrato nell’anno appena concluso, pari a +8 unità.
Alla fine del 2022 la popolazione bagnolese risultava essere a quota 5.853, con una flessione dei maschi (2.898) ed un incremento delle femmine, che peraltro continuano ad essere in maggioranza (2.955). Un anno fa si era a 5.845 abitanti, mentre a fine 2020 i residenti erano 5.843.
Guardando indietro nel tempo, 30 anni fa (fine 1992) i bagnolesi erano 5.193, per poi salire 20 anni fa (fine 2002) a quota 5.565 ed arrivare 10 anni fa (fine 2012) addirittura a 6.127.
Pesantemente negativo il saldo naturale.
Nel corso del 2022 si sono infatti registrate appena 31 nascite, di cui 13 maschietti e 18 femminucce. Nel 2021 i nati furono 33, nel 2020 erano stati 32. Ecco l’incidenza di nati “stranieri” nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle: sono stati 5 (3 maschi e 2 femmine).
Purtroppo aumentano sensibilmente invece le persone decedute, che nel corso dell’anno appena concluso sono state ben 83: 41 maschi e 42 femmine, rispetto ai 68 morti del 2021, agli 86 morti del 2020 ed ai 68 del 2019. Dall’ufficio anagrafe non vengono segnalati decessi di cittadini di nazionalità straniera.
Decisamente positivi, invece, i dati del flusso migratorio.
Nel 2022 sono state 231 le persone che hanno preso dimora in paese (108 maschi, 30 dei quali stranieri, e 123 femmine, 39 delle quali straniere). Gli immigrati nel 2021 erano stati 174, mentre nel 2020 erano stati 203 e nel 2019 167.

Articolo completo sul Corriere in edicola